facebook twitter rss

Il Subbuteo celebra la storica
promozione della Fermana in Serie B

SPORT DA TAVOLO - Domenica scorsa il primo torneo nazionale di calcio in miniatura organizzato dall’OSC Dynamo Fermo, con partecipanti provenienti da tutt’Italia
mercoledì 3 maggio 2017 - Ore 01:48
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra Andrea Giammusso, presidente OSC Dynamo Fermo; Francesco Bossa, difensore; Enrico Guidi, dirigente della Fermana Calcio; Paolo Calcinaro, Sindaco di Fermo; Carlo Pagliacci, OSC Dynamo Fermo

FERMO – Il primo torneo nazionale organizzato dall’Old Subbuteo Club Dynamo Fermo e dedicato alla cavalcata della Fermana Calcio sfociata in cadetteria si è tenuto domenica scorsa nei locali della pizzeria Stube di Marina Palmense. I 32 giocatori iscritti, provenienti da tutt’Italia, hanno vestito in coppia i panni di 16 squadre che hanno disputato il torneo che vide la promozione della Fermana in Serie B.

Stavolta le squadre erano splendide miniature condotte con colpi a punta di dito sul classico panno verde del Subbuteo, gioco tornato in voga ormai da qualche anno dopo una lunga eclisse. Ad aggiudicarsi il campionato 1998/1999 diversamente da quel che accadde in realtà è stata la formazione Subbuteo del Giulianova; al secondo posto la Juve Stabia, e al terzo posto l’Acireale.

Ai primi tre classificati sono andati in premio coppie di sculture in resina raffiguranti lo zio Sub, classica icona del circuito Old Subbuteo, realizzate magistralmente da Alessio Cisbani. La targa del Comune di Fermo è stata invece assegnata al giocatore proveniente da più lontano (Chiavari) ed è stata consegnata direttamente dal Sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, intervenuto all’inaugurazione rivendicando il suo passato da subbuteista. Insieme a lui anche il dirigente della Fermana Calcio, Enrico Guidi, ed un giocatore in rappresentanza della squadra, l’infortunato Francesco Bossa, che hanno portato i saluti e i ringraziamenti di tutto lo staff della Fermana.

Altri premi sono stati messi in palio grazie alla generosità di alcune aziende: Arte Orafa di Rossella Grilli, Namastè di Luisa Palmieri, i “Cotti” delle Marche di Bacalini, l’azienda vinicola Bocca di Gabbia, l’Istituto marchigiano di tutela dei vini, il Consorzio Vini Piceni.
Grande la soddisfazione espressa dal capitano dell’OSC Dynamo Fermo, Andrea Giammusso, vera anima dei subbuteisti fermani, soprattutto per l’impegno profuso dalle nuove leve del club, Carlo Bugiardini e Stefano Morelli, che hanno vestito i panni della Fermana chiudendo il torneo al 7° posto.

La realtà fermana del Subbuteo, sia pur giovane, può quindi archiviare questo primo torneo e prepararsi a concludere l’ultimo campionato sociale che si disputa nella sede del club, nel quartiere Santa Petronilla, tutti i venerdì sera presso i locali della sala polivalente.

 

Fotogallery


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X