facebook twitter rss

Luca Mazzoleni e la libertà di un rifugista a quota 2.433 metri

FERMO - Appuntamento venerdì 5 maggio con il gestore del Rifugio Franchetti sul Gran Sasso a cura della sezione locale del CAI
mercoledì 3 maggio 2017 - Ore 16:16
Print Friendly, PDF & Email

Appuntamento venerdì 5 maggio alle 21,15 presso la Sala Multimediale San Carlo di Fermo con Luca Mazzoleni, gestore del Rifugio Franchetti sul Gran Sasso, punto di riferimento per chi frequenta il “piccolo Tibet” abruzzese.

La vita del rifugista è assolutamente diversa dalle altre, uno stile di vita votato all’essenziale in grandi spazi di libertà, nutrito da uno spiccato spirito di accoglienza e contatto affettivo con l’umanità alpinistica e con le genti di montagna. Si tratta di una cultura e di una filosofia del vivere che non nasce dalla rinuncia, dalla marginalità, ma dalla consapevolezza di non aver bisogno, e di sentirsi pieni di piccole cose. Solo chi ama profondamente la montagna può fare questo mestiere che richiede dedizione, competenze, cultura alpina e sensibilità nella tutela. Mazzoleni racchiude questo e molto altro.

L’iniziativa è organizzata dalla sezione CAI di Fermo. 

Mazzoleni è nato a Roma e da anni vive a Pietracamela (Teramo), alle pendici del Gran Sasso.

Iscritto alla sezione romana del Club alpino italiano nel 1977, nel 2008 è stato tra i fondatori della sottosezione Cai di Pietracamela, il suo paese adottivo; dal 1982 al 1987 è stato gestore del rifugio Duca degli Abruzzi al Gran Sasso; dal 1988 gestisce ancora, con la stessa passione, il rifugio Carlo Franchetti; dal 1994 al 2006 ha fatto parte del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico del CAI quale volontario della stazione di Teramo e tecnico di elisoccorso.

E’ autore della guida “La montagna incantata, 238 itinerari di scialpinismo nell’Appennino Centrale” (Guide Iter 2014) e della guida all’“Alta via scialpinistica dell’Appennino Centrale” (Porzi Editore 2010).

Dal 2005 organizza col CAI Pietracamela i “Raduni scialpinistici dell’Appennino Centrale”, manifestazioni non competitive con la finalità di promuovere l’attività scialpinistica nell’Italia Centrale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X