facebook twitter rss

Fermana, contro la Jesina è pari e patta

SERIE D - Al vantaggio di Petrucci risponde l'ex Labriola già a cavallo della mezz'ora del primo tempo e la ripresa scorre via senza particolari emozioni. Per la truppa di Flavio Destro si chiude così la storica stagione regolare di Serie D, l'attenzione dei canarini adesso è tutta rivolta alla partente Poule Scudetto
domenica 7 maggio 2017 - Ore 17:08
Print Friendly, PDF & Email

Jesina – Fermana, le squadre in campo al calcio d’inizio

JESI (AN) – Alle 15.00 nello stadio Carotti riecheggia il fischio d’inizio della direttrice di gara Valentina Finzi, pronta a dirimere la gara che vede ospite una Fermana, come promesso da mister Destro, rinfrescata dalle new entry: si vedono infatti esordire Bottaluscio tra i pali al posto di Valentini e Musumeci, uno jesino, che debutta proprio contro la squadra della sua città.

IL TABELLINO

JESINA 1 (4-3-3): Tavoni; Serantoni, Tafani, Labriola, Anconetani (30′ El Harrati); Sassaroli, Censori (22′ st Calcina), Bontà; Trudo, Pierandrei (38′ st Suwareh), Cameruccio. A disposizione: Bolletta, Ferretti, Piersanti, Zannini, Serrani, Pierfederici. All. Yuri Bugari

FERMANA 1 (4-2-3-1): Bottaluscio; Sene, Urbinati, Ferrante, Musumeci; Forò, Di Pinto (1′ st Moretti); Petrucci, Mandorino, Margarita (28′ st Valdes); Molinari (16′ st Cremona). A disposizione: Valentini, Maghzaoui, Manè, Gadda, Fazzini, Amendola. All. Flavio Destro

ARBITRO: Valentina Finzi di Foligno

RETI: 25′ pt  Petrucci, 29′ pt Labriola

NOTE: Ammoniti 8′ Di Pinto; 15′ Bontà, 23′ st Cremona, 45′ st Forò. Angoli 6 – 3, recupero 1′ + 3′

LA CRONACA

Si respira un clima rilassato e ci si aspetta un match privo di aggressività, con una compagine casalinga già salva e l’ospite promossa in lega Pro da quattro giornate. Ma già al 5′ di gioco la Jesina si fa pericolosa con Trudo, prontamente intercettato da Musumeci in aiuto di Bottaluscio. Poco dopo ancora Trudo, che ci riprova con un rasoterra potente a finire di poco fuori dalla porta canarina. Dopo una metà di frazione  totale appannaggio dei leoncelli, ci pensa Petrucci, oggi forgiato della fascetta da capitano, a sbloccare il risultato al 25′, allungandosi verso il portiere Tavani che, uscendo dallo specchio della porta, viene scavalcato dal pallone che entra in rete. Risponde subito l’ex canarino Labriola circa alla mezz’ora, sul corner di Censori, ristabilendo la parità.

Il match riprende con la sostituzione di Di Pinto, che aveva debuttato a San Marino, per l’esordiente Moretti, classe ’97.  La prima emozione della ripresa passa per il pericolosissimo tiro al volo del biancorosso Bontà che incontra la traversa. Subito dopo un marchio di fabbrica di mister Dentro: staffetta Cremona per Molinari, con questi a tentare subito ma invano la sua tipica semi rovesciata su cross di Petrucci. Il trainer gialloblù inserisce anche Valdes per Margarita, mentre nella Jesina entra El Harrati al posto di Anconetani. In coda al parziale ecco anche Suwareh per Pierandrei, ad esaurire così tutti i cambi possibili (per entrambe le contendenti) contribuendo a ridare freschezza alle formazioni originarie. La partita si chiude sul giusto risultato di 1 – 1 , senza cioè ulteriori emozioni verso le rispettive porte, congedando dal torneo due squadre appagate dal proprio esito di campionato,  ma ad ogni modo quest’oggi dimostratesi sportive e combattenti antagoniste.

Silvia Remoli

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X