facebook twitter rss

Jesina 1 – Fermana 1: l’analisi
dell’ultima giornata di campionato

SALA STAMPA - Il presidente biancorosso, Marco Polita, annuncia la volontà di lasciare la società. Mister Flavio Destro è soddisfatto dei suoi giovani debuttanti, il giovane collega locale Yuri Bugari pensa al futuro
domenica 7 maggio 2017 - Ore 21:05
Print Friendly, PDF & Email

Mister Flavio Destro

JESI (AN) – Un pareggio quasi annunciato quello tra leoncelli e canarini, entrambi distesi e sereni per gli obiettivi (salvezza e vittoria del campionato) rispettivamente raggiunti con largo anticipo. Il primo ingresso in sala stampa è del Presidente della squadra di casa, Marco Polita, che dapprima si complimenta con la Fermana, della quale si dichiara orgoglioso avversario:

“Ammetto con estrema sincerità che ha meritato pienamente la promozione in Lega Pro ed è stato un vero onore giocarci contro ed averla ospitata quest’oggi, soprattutto per il percorso fatto e per il modo in cui ha conquistato il più alto dei risultati possibili; facendo i complimenti sia alla sua dirigenza che ai giocatori credo di esprimere anche il pensiero dei tifosi jesini che, aldilà della competizione sportiva, hanno visto in lei una più che degna rivale”.

Il Presidente della Jesina, Marco Polita

Terminate le lodi per la squadra ospite, ringrazia anche ogni componente della sua società, nessuno escluso, partendo dal settore giovanile sino ad arrivare all’attuale compagine della prima squadra: “Abbiamo collaborato e sofferto insieme, cercando sempre di fare il meglio: lo dimostra un vivaio che dal nulla è arrivato a contare 330 elementi, lo conferma l’aiuto che alla prima squadra è provenuto dalla Juniores che l’ha costantemente alimentata, lo rafforza l’indiscutibile l’operato svolto dal tecnico Bugari che è riuscito in un miracolo: in sostanza io parlerei di complicità tra il comparto societario e quello tecnico e sanitario inteso in toto, grazie a questa capacità di compattarsi e di fare sacrifici insieme abbiamo superato momenti difficili”.

Conclude con un annuncio che ha del malinconico: “Seguo questa squadra da ben 10 anni, intensi ma al contempo logoranti: non avendo più la forza di un tempo vorrei chiudere un ciclo, di cui vado peraltro orgoglioso, per cui faccio un passo indietro dando spazio a nuovi e freschi imprenditori di cui mi auspico la seria volontà di investire in questa grande passione e realtà calcistica che è la Jesina”.

E’ la volta del tecnico canarino Flavio Destro che si pronuncia sulle new- entry in campo quest’oggi (Bottaluscio, Moretti e Musumeci):

“I ragazzi che ho fatto esordire mi hanno soddisfatto, avevo già detto che avrei dato loro l’occasione di giocare e oggi l’hanno saputa cogliere”. Sulla imminente poule-scudetto: “Ancora non sappiamo né data né prima avversaria, però la nostra testa è proiettata a fare una bella figura anche in questa competizione per dimostrare nuovamente le nostra capacità in campo”

Il tecnico della Jesina, Yuri Bugari

Chiude Yuri Bugari, allenatore dei leoncelli, che attende il chiarimento su alcune condizioni per potersi ritenere legato a filo doppio con la società biancorossa:

“L’esser stato chiamato a novembre e vedermi richiesta la salvezza, mi fa ben sperare sulla fiducia che la Jesina ha nei miei riguardi. Ovviamente ci saranno da valutare alcuni aspetti, sia economici che inerenti alla rosa nonché agli obiettivi che mi verranno prefissati: io ricambio la serietà e la stima con la speranza e la volontà di fare sempre meglio dell’anno precedente”.

Silvia Remoli

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X