facebook twitter rss

“Nostra posizione chiara, ci siamo adeguati alla minoranza”: la Marcozzi risponde a Gismondi

ANCONA - Continua a far discutere la decisione di creare un unica Camera di Commercio regionale, la capogruppo di Forza Italia replica all'ex sindaco di Montegranaro
mercoledì 17 maggio 2017 - Ore 12:28
Print Friendly, PDF & Email

Alle accuse di Gastone Gismondi sull’istituzione di un’unica Camera di Commercio regionale (leggi qui), replica subito Jessica Marcozzi, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale.

“E’ francamente triste dover constatare che chi oggi mi accusa impropriamente e mi attacca, non è minimamente informato sui fatti dando così vita a una critica priva di qualsiasi fondamento, frutto magari della spinta di qualche sprovveduto suggeritore. Mi riferisco all’amico Gastone Gismondi che mi accusa di aver detto una cosa e averne fatta un’altra in merito alla Camera di Commercio di Fermo. Dispiace dover stigmatizzare il fatto che dalle sue dichiarazioni emergono imprecisioni e assoluta mancanza di informazione. Gismondi dovrebbe sapere bene che ho da sempre portato avanti la battaglia per la Camera di Commercio di Fermo e, con il collega Celani, mi sono battuta per la doppia Camera nelle Marche. A dimostrazione di ciò vi è addirittura una mia interrogazione ad hoc risalente al 14 marzo 2016. La nostra posizione, mia e di Celani, però, è stata aspramente criticata anche in minoranza dai nostri colleghi di Lega nord, Fdi e Movimento 5 Stelle, tutti schierati per la Camera unica regionale in virtù del risparmio di costi che questa comporterebbe. Ci hanno accusato di voler blindare “la poltrona” di Fermo. A questo non ci stiamo. E proprio per questo motivo ci siamo adeguati alla volontà della minoranza e all’espressione del Consiglio. Non siamo certo i difensori delle poltrone. Il presidente Di Battista non è legato alle poltrone e non ha bisogno di “avvocati difensori”. E sicuramente non siamo insensibili a operazioni che comportano tagli di costi per la collettività. Tutto questo Gismondi dovrebbe saperlo bene. Ma tant’è. Per carità, non voglio sollevare polemiche e la mia replica è tesa solo a fare chiarezza. Gismondi può dire e pensare quello che vuole. Ma il perché lui, o magari qualche suo poco informato suggeritore, tiri in ballo solo me (e l’assessore regionale Cesetti) e nessuno degli altri esponenti locali in Consiglio regionale, sia di maggioranza che di opposizione, tutti a votare per la Camera unica, francamente qualche dubbio lo solleva”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X