fbpx
facebook twitter rss

Borsone sospetto davanti alla chiesa
di Campiglione,
arrivano i carabinieri: falso allarme

FERMO - A lanciare l'sos un cittadino di passaggio. Sul posto i militari del nucleo radiomobile di Fermo che hanno scoperto che fortunatamente il borsone conteneva solo un pallone da calcio
Print Friendly, PDF & Email

Un borsone mimetico abbandonato a ridosso delle mura di una chiesa. Due elementi che, dopo i recenti fatti di cronaca legati agli unabomber fermani Paniconi e Bordoni, hanno fatto drizzare le antenne a un cittadino. E mobilitato i carabinieri. Ma per fortuna si è trattato solo di un falso allarme. Questa mattina un uomo, passando davanti alla chiesa di Campiglione, proprio una di quelle chiese prese di mira dagli unabomber fermani (leggi l’articolo) ha notato un borsone mimetico a ridosso della chiesa. L’uomo, insospettitosi, ha preso il telefono cellulare e ha chiamato il 112. E i carabinieri del nucleo radiomobile di Fermo si sono precipitati sul posto. Quello che in altre circostanze sarebbe stato un normale controllo, a Fermo è diventato un preallarme. Inutile negare, infatti, che il ricordo dei recenti fatti di cronaca legati agli unabomber con, nel mirino, le chiede del Fermano, è ancora fresco. I militari dell’Arma, quindi, sono arrivati sul posto e, con tutte le precauzioni del caso, e seguendo una precisa procedura di preallarme, hanno appurato che all’interno del borsone c’era solo un pallone da calcio. E tutti a tirare un sospiro di sollievo per un falso allarme che, però, dimostra come i carabinieri non abbassino mai la guardia, nemmeno in situazioni di rischio, anche solo potenziale. E in questo caso nemmeno i cittadini.

g.f.

Bombe nelle chiese: due fermati, la fine di un incubo

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X