fbpx
facebook twitter rss

Paracadutista 55enne precipita e muore: dramma vicino all’aviopista
di San Marco alle Paludi

FERMO- La vittima, Roberto Pezzuto, 55 anni, di Bari, è precipitata all'interno dell'area del nuovo depuratore di San Marco alle Paludi, al confine tra i comuni di Fermo e Porto Sant'Elpidio. Terribile l'impatto sulla pavimentazione in cemento. Inutili i tentativi di soccorso
Print Friendly, PDF & Email

di Paolo Paoletti

foto S.C.

E’ di una vittima il bilancio del grave incidente avvenuto attorno alle 12.15 nei pressi dell’aviopista di San Marco alle Paludi. Secondo le prime notizie, ancora sommarie,  subito dopo il lancio dall’aereo, Roberto Pezzuto, 55 anni, di Bari, avrebbe avuto dei problemi con il paracadute di emergenza in fase di discesa che, secondo una prima ricostruzione ancora non ufficiale, non si sarebbe aperto. Il 55enne era istruttore di volo, con una grande esperienza alle spalle.   Una caduta terribile che non gli ha lasciato scampo.  Sarà ora compito delle forze dell’ordine ricostruire la dinamica esatta di quanto accaduto.

Sanitari del 118 e mezzi di soccorso subito mobilitati. Sul posto anche gli uomini del commissariato di polizia di Fermo e vigili del fuoco di Fermo che, insieme agli altri paracadutisti, sono riusciti ad individuare il luogo della caduta, all’interno dell’area del nuovo depuratore di San Marco alle Paludi vicino al fiume Tenna.

Sanitari che hanno fatto il possibile per salvare l’uomo precipitato sulla pavimentazione in cemento. Chiamata anche l’eliambulanza da Ancona che però è tornata all’ospedale Torrette vuota in quanto non c’è stato niente da fare per il 55enne. Si è proceduto a tutte le verifiche del caso. Procura di Fermo che ha aperto un fascicolo.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



4 commenti

  1. 1
    Danilo Giustozzi via Facebook il 4 Giugno 2017 alle 13:03

    L’anno scorso ho fatto anch’io un lancio li…😨

  2. 2
    Antonio De Santis via Facebook il 4 Giugno 2017 alle 14:12

    Ma il paracadute d’emergenza?

  3. 3
    Hristo Stefanov Stefanov via Facebook il 4 Giugno 2017 alle 14:21

    È difficile che passa un anno senza almeno un incidente mortale la.Vedete un po’ voi…

  4. 4
    Alessandro Cinti via Facebook il 4 Giugno 2017 alle 15:38

    Chi è? Si sa?

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X