facebook twitter rss

“Gismondi inadeguato e con la memoria corta”:
la replica di Ubaldi all’ex sindaco

MONTEGRANARO - Al centro della querele la realizzazione di una tensostruttura realizzata dall'Amministrazione Mancini
sabato 10 giugno 2017 - Ore 11:55
Print Friendly, PDF & Email

“Leggendo le dichiarazioni sempre più frequenti in questi giorni del consigliere Gismondi, il dubbio più che legittimo è che lo stesso non sia mai stato sindaco di Montegranaro”. E’ dura la risposta dell’assessore Endrio Ubaldi nei confronti dell’ex sindaco dopo le dichiarazioni dei giorni scorsi (leggi qui).

Quando afferma che si costruirà la tenda per le partite di calcetto del vice sindaco, offende l’intelligenza di chi legge, omettendo di dire, invece, che fu lui stesso nel 2012 a far convocare ad agosto un consiglio comunale in fretta e furia, solo per fare una variazione del piano delle opere pubbliche, avente ad oggetto l’inserimento di una struttura polifunzionale presso la lottizzazione Rossi con un importo di euro 500.000,00. Peccato che tutto sia rimasto lettera morta, come il 90% di quanto promise e non realizzò, con ben 5 assessori e consiglieri della sua stessa maggioranza che lo sfiduciarono per inconsistenza amministrativa.

L’Amministrazione Mancini aveva nel suo programma elettorale la realizzazione di una tensostruttura, che e’ cosa ben diversa da quella che offensivamente considera una “tenda”, con una somma assolutamente congrua di euro 400.000 ed inferiore a quanto previsto appena 5 anni fa, da chi si considera il saggio di Montegranaro, apostrofando chi amministra come stolto. Relativamente alla demagogia che sta portando avanti sull’IMU, ribadisco che l’Amministrazione Comunale dal 2014 ad oggi non solo non ha aumentato tale imposta, ma che proprio in quell’anno fummo uno dei 4 Comuni della Provincia di Fermo a non applicare la Tasi, unico fra i Comuni con più di 10.000 abitanti. Se a livello centrale si mandano sempre meno soldi ai Comuni, mentre i servizi sono sempre gli stessi, con sensibili miglioramenti per alcuni di essi, si stanno facendo veri e propri miracoli, per poter far fronte allo spaventoso contenzioso ereditato, senza aumentare di un centesimo la pressione fiscale. Se Gismondi racconta che i nuovi mutui graveranno per 200 euro a famiglia, la relazione del revisore dei conti, non il sottoscritto, certifica che in 2 anni l’indebitamento del Comune è diminuito di 500 mila euro, evidentemente si vuol fare demagogia e populismo di bassa lega, per far presa su chi legge.

Troppo facile per chi è stato assessore all’Urbanistica prima, e sindaco poi, con un piano regolatore assolutamente sovradimensionato, approvato ad appena 3 giorni dal voto del 6 giugno 2009, addebitare alla Giunta Mancini l’importo pro capite più alto dell’IMU, omettendo di dire, che a Montegranaro in 4 anni si è ridotta la popolazione di circa 300 unità, e che la superficie media edificabile è di gran lunga la più alta della Provincia. Ma le bugie hanno sempre le gambe corte, verrebbe quasi da dire: ‘per fortuna il nostro saggio che guarda la luna’.

Evidentemente la risoluzione di una problematica decennale come quella del Villaggio del Lavoro, con le asfaltature delle 2 Vie principali a Piane di Chienti e la pubblicazione del bando da parte della curatela, non fa star tranquillo, chi da luglio del 2008 (anno del fallimento) al 2013 non è riuscito a cavare un ragno dal buco da quell’intricata vicenda.. Grazie alla perseveranza dell’Assessore all’Urbanistica Perugini ed alla meticolosità del responsabile del settore Arch. Roberto Alessandrini, ciò è stato possibile. Quanto si accusa chi amministra di essere inadeguati, qualcuno si dovrebbe fare un serio esame di coscienza sul suo precedente operato”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X