fbpx
facebook twitter rss

I bambini riscoprono i Sibillini
grazie alla Sibilla e al Guerrin Meschino

AMANDOLA - Molto partecipata la due giorni organizzata da CVM, Fondazione Laureus e RIRes dell’Università Sacro Cuore di Milano
Print Friendly, PDF & Email

Due giorni di camminate e di pace con la montagna. È stata un’esperienza memorabile quella dei campi estivi sui Monti Sibillini per i bambini della zona di Amandola e dei territori colpiti dal terremoto. Con escursioni, attività di orientamento, giochi socio didattici, racconti sui miti e il folklore dei Sibillini. Con l’obbiettivo di far fare la pace ai più piccoli con la montagna, dopo la paura del terremoto.

L’iniziativa è stata organizzata da CVM – Comunità Volontari per il Mondo, Fondazione Laureus, e RIRes – Unità di Ricerca sulla Resilienza dell’Università Sacro Cuore di Milano, col sostegno della Fondazione Fratelli Dimenticati, del Comune di Amandola, del Cai.

Per due giorni, i bambini della scuola primaria e secondaria di primo grado delle zone di Amandola sono stati accompagnati in lunghe passeggiate nel bosco. Dove hanno riscoperto la bellezza della montagna, grazie a momenti di spiegazione naturalistica, ai racconti sul mito della Sibilla e del cavaliere errante Guerrin Meschino narrati da Giulia Grilli e Sara Buratti della Associazione culturale Peranna. Poi tanti giochi, organizzati dalle operatrici di RIRes, all’insegna della resilienza, e quindi della speranza e della fiducia nel futuro, oltre la paura del terremoto, per tornare a vivere con serenità nel proprio territorio.

I campi estivi sui monti Sibillini sono stati una delle tappe del percorso per la resilienza che CVM ha realizzato con la campagna “Lenticchie di speranza”, assieme ai suoi partner in sostegno alle popolazioni terremotate del Centro Italia. Un percorso che culminerà con il concerto lirico del 30 giugno eseguito dall’Accademia di canto Beniamino Gigli nella piana di Campolungo, presso Garulla (Amandola), un evento musicale di riappacificazione con la montagna.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X