fbpx
facebook twitter rss

Misterioso boato in collina,
arrivano i carabinieri
e i vigili del fuoco

PORTO SAN GIORGIO - Lo scoppio è stato avvertito da molti residenti nel quartiere sud della città. In mattinata, un rumore simile è stato segnalato, invece, dal quartiere nord
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri oggi pomeriggio in via Galvani, zona collinare sud della città

Un boato, all’improvviso. Uno scoppio impressionante che, però, almeno stando alle risultanze in mano ai carabinieri e ai vigili del fuoco, rischia di rimanere avvolto nel mistero. Oggi pomeriggio, intorno alle 18,30, molti sangiorgesi, soprattutto tra i residenti nel quartiere sud, sono saltati dalla sedia a causa di un fragoroso boato che ha squarciato il solito brusio cittadino. In tanti hanno pensato allo scoppio di una bombola di gas. E così sono subito partite le prime segnalazioni ai carabinieri e ai pompieri. E da lì a pochi minuti nella zona collinare sud della città sono arrivati i militari dell’Arma e i vigili del fuoco. Nessuna colonna di fumo nel cielo. Nessuna fiamma in lontananza. I carabinieri e i pompieri, però, nonostante l’assenza di qualsiasi riscontro visivo, hanno pattugliato in lungo e largo la collina sud della città imbattendosi anche in diversi residenti scesi in strada allarmati dal boato. Tutti hanno sentito lo scoppio. Qualcuno ha anche raccontato di aver visto tremare i vetri alle finestre o, addirittura, di aver avvertito la propria abitazione traballare. Ma nessuno ha saputo segnalare un punto preciso da cui era arrivato il rumore dello scoppio che, dunque, rischia di rimanere senza spiegazioni. A dirla tutta anche nel primo pomeriggio di oggi, questa volta nel quartiere nord, si è sentito uno scoppio analogo. E sembra che nei giorni scorsi alle forze dell’ordine siano arrivate delle segnalazioni per dei rumori simili a quelli odierni, anche se meno fragorosi. Ma tutti rimangono, almeno per il momento, senza un nome o una causa. L’ipotesi più accreditata, per ora, resta quella dell’esplosione di pneumatici di mezzi agricoli, all’opera sulla collina a ovest della città.

g.f.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



3 commenti

  1. 1
    Amedeo Bompadre via Facebook il 21 Giugno 2017 alle 21:17

    Scoppio di pneumatici di mezzi agricoli???
    E con che li avevano gonfiati, col grisu’?

  2. 2
    Elisabetta Giolli via Facebook il 21 Giugno 2017 alle 22:05

    Sinacle ?

  3. 3
    Paolo Vitulli via Facebook il 22 Giugno 2017 alle 12:09

    Forse qualcuno che si diverte a sparare petardi ?

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X