facebook twitter rss

Da paritaria a statale, la materna di Casette d’Ete vive un passaggio

SANT'ELPIDIO A MARE - A settembre la scuola materna statale di Casette d’Ete avrà 75 bambini iscritti. L’augurio dei genitori presenti alla festa è che possano vivere una bellissima esperienza come chi ha frequentato la paritaria SS Redentore.
giovedì 22 giugno 2017 - Ore 15:05
Print Friendly, PDF & Email

Don Iginio Marcelli alla festa di chiusura della paritaria SS Redentore

di Nunzia Eleuteri

La scuola materna di Casette d’Ete da settembre non sarà più paritaria ma pubblica. La notizia non è recente ma recente è stata, invece, la festa di chiusura d’anno, lunedì scorso 19 giugno, che più di un festeggiamento ha decretato un passaggio storico. Un evento commovente per maestre e genitori che non hanno risparmiato lacrime per qualcosa che, cambiando, a tutti gli effetti, non ci sarà più. La scuola paritaria del SS redentore, retta da don Iginio Marcelli, e gestita fino a qualche anno fa in collaborazione con le suore, diventerà una scuola statale. Cambieranno le insegnanti e il personale destinato alla mensa. Ma soprattutto cambierà l’impostazione. Certo, la preghiera del mattino difficilmente sarà riproposta a settembre prossimo e questa è una delle tante riflessioni dei genitori orgogliosi di dire che i loro figli frequentassero la scuola della parrocchia.

 

Un video con immagini delle tantissime iniziative organizzate dalla scuola è stato proiettato come ricordo, testimonianza e ringraziamento alle maestre, cuoche e a don Iginio per la dedizione riservata ai bambini e per la meravigliosa realtà che hanno mantenuto in questi anni. La festa è poi proseguita, tra lacrime, balli e canti come omaggio al momento storico che ha comunque segnato la fine di un’era. A settembre la scuola materna statale di Casette d’Ete avrà 75 bambini iscritti. L’augurio dei genitori presenti alla festa è che possano vivere una bellissima esperienza come chi ha frequentato la paritaria SS Redentore.

“Un tesoro costruito con amore – le parole di una maestra rivolte alla platea – La nostra scuola ha funzionato perché tutti abbiamo lavorato per un semplice ma nobilissimo scopo e cioè il bene dei bambini. E’ l’unione che fa la forza e la squadra può anche perdere ma squadra resta e si stringe di più proprio quando perde… Io mi sento profondamente stretta a voi e sono qui stasera a ringraziarvi di cuore per esserci stati sempre”.

 

Un momento della festa di fine anno alla scuola materna SS Redentore di Casette d’Ete

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X