fbpx
facebook twitter rss

Giovani violenti, la polizia
sequestra un coltello e un tubo d’acciaio

FERMO - Gli agenti del commissariato di Fermo, guidati dal dirigente Leo Sciamanna, hanno segnalato alla Procura un 28enne e denunciato il giovane che nell'auto aveva il coltello. Segnalato alla prefettura un terzo ragazzo in possesso di droga
Print Friendly, PDF & Email

Nell’ambito delle attività di controllo straordinario del territorio condotte dalla polizia un giovane marocchino è stato segnalato per droga alla Prefettura di Fermo. ma non basta. Nei loro pattugliamenti, gli agenti guidati dal vicequestore Leo Sciamanna, a Lido Tre Archi, hanno controllato una vettura guidata da un uomo privo della patente di guida e con precedenti di Polizia per violazione della legge sugli stupefacenti. All’interno del bagagliaio del veicolo gli agenti hanno rinvenuto, e quindi sequestrato, un tubo di ferro, piuttosto consistente, della lunghezza complessiva di  67,5 centimetri. Il ragazzo, di 28 anni, è stato segnalato alla locale Procura della Repubblica per il reato di porto di oggetti atti ad offendere. Sempre nell’ambito dei loro controlli a tutto campo, i poliziotti hanno denunciato un giovane per minaccia, percosse e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Infatti, gli operatori, durante il servizio, venuti a conoscenza di una lite a sud del territorio di Fermo, si sono messi alla ricerca dell’aggressore, poco dopo rintracciato a Marina Palmense. Sottoposto a perquisizione, il ragazzo è stato trovato in possesso di un coltello, che aveva occultato all’interno della sua auto, un coltello a serramanico della lunghezza complessiva di 20 centimetri di cui 9 di lama.

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



2 commenti

  1. 1
    Valter Iachini via Facebook il 26 Giugno 2017 alle 14:50

    Ma perche non li rimandate in marocco ? Ma ci vuole cosi tanto ?

  2. 2
    Paolo Tramannoni via Facebook il 26 Giugno 2017 alle 15:03

    Non si può, ci sono la guerra e la carestia. E se non ci fosse, per qualche strano motivo questi ragazzi sarebbero perseguitati dalla loro polizia.

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X