facebook twitter rss

Attiva la prima Casa dell’Acqua, l’invito ai cittadini per un maggiore risparmio

FERMO - “Progetto importante che rappresenta un’ulteriore riprova di quanto sia ottima l’acqua dei Sibillini” – ha detto Giacinto Alati, Presidente CIIP
Print Friendly, PDF & Email

Foto Alessandro Giacopetti

Ha iniziato a erogare i primi litri di acqua a chilometro zero il distributore situato in viale Trento. Si tratta del progetto Casa dell’acqua che comprende distributori che attingono dall’acquedotto e, dopo averla microfiltrata e refrigerata, la erogano in due tipologie: naturale e gassata. Ne sono stati installati due: uno in viale Trento nelle vicinanze dello stadio Recchioni e uno a Campiglione in via Vecchiotti. Un terzo verrà installato su viale del Lido. Un’acqua che verrà erogata con monete o con una scheda ricaricabile, per ora disponibile al Bar Primavera, al Roxy Bar, alla Scuola Guida Car e nei Centri di revisione auto (la card verrà poi distribuita anche con la collaborazione dei Centri Sociali). Il macchinario non da resto, ma può essere bloccato attraverso un pulsante al momento in cui la quantità d’acqua sia ritenuta sufficiente.

Questa mattina è stata inaugurata la Casa dell’Acqua vicino allo stadio, alla presenza del Sindaco Paolo Calcinaro, dell’assessore all’ambiente Alessandro Ciarrocchi, di Maria Vittoria Cognigni della ditta Squizzi (di cui è socia anche Antonietta Trapasso) che cura il servizio “Casa dell’Acqua”, di Michele De Angelis, tecnico dell’azienda e di Lucilla Steca dell’omonima azienda.

“Un capoluogo di provincia non si può sempre far raccontare le cose che accadono in altre parti, perché fermo è un po’ basata sul tradizionalismo e fatica a sperimentare. Quindi vogliamo innovare e portare questa novità per crescere attraverso i piccoli segni come questo. Significa che Fermo sta facendo passi in avanti”, ha detto Paolo Calcinaro, sindaco di Fermo.

“La prima volta che l’ho vista ero a Ecomondo e poi è stata illustrata a Tipicità. Nel progetto che riguarda Fermo le caratteristiche sono anche altre. Ad esempio in futuro potrebbe prevedere la possibilità per il cittadino di portare bottiglie vuote in plastica, raccogliendole e riciclandole, avendo in cambio acqua gratis”, ha detto Alessandro Ciarrocchi, assessore all’Ambiente.

“Siamo sicuri che la sensibilità per l’ambiente da parte dei cittadini troverà dimostrazione anche con questo progetto – ha aggiunto Maria Vittoria Cognigni – che mette insieme la salubrità di un’acqua pura e controllata con la riduzione dell’inquinamento favorendo un maggior uso di bottiglie in vetro e meno in materiale plastico”.

Importante la manutenzione dei filtri per la qualità dell’acqua. “I distributori sono tenuti sotto controllo dai tecnici attraverso una App sullo smartphone che segnala lo stato degli stessi e il loro regolare funzionamento o eventuali problemi” – ha ricordato De Angelis.

“Vogliamo sostenere tutto ciò che dà valore al territorio, e quindi oltre all’energia c’è l’acqua – ha detto Lucilla Steca – per questo abbiamo voluto sostenere la Casa dell’Acqua”.

La salvaguardia dell’ambiente è uno degli obiettivi importanti per l’Amministrazione Comunale – è stato detto – e questa iniziativa è in linea con quanto stabilito dalla Comunità Europea e dalla normativa nazionale e regionale sia in merito alla valorizzazione dell’acqua pubblica che alla riduzione della produzione dei rifiuti.

Un progetto che assume la valenza di un percorso educativo sotto il profilo ecologico, diffondendo sul proprio territorio la cultura della valorizzazione del patrimonio naturale e delle acque, salvaguardando l’ambiente in quanto: i cittadini potranno riutilizzare i contenitori dell’acqua così da ridurre alla fonte gli imballaggi e diminuire i rifiuti plastici riconducibili alle bottiglie; si contribuisce a limitare l’inquinamento generato dalle attività di produzione, trasporto e ritiro delle bottiglie utilizzate.

Il comune di Fermo ha fatto un bando per la cessione di suolo pubblico per l’installazione delle macchine distributrici che sono private.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



3 commenti

  1. 1
    Danuta Limanowska via Facebook il 1 Luglio 2017 alle 1:08

    Calcinato ti ho dato il voto a caso xche mi ha consigliato mia figlia ma devo dire che sei in gamba bravo sei attento e innovativo

  2. 2
    Graziano Cutini via Facebook il 1 Luglio 2017 alle 7:16

    OTTIMO…

  3. 3
    Assunta Bianchi via Facebook il 1 Luglio 2017 alle 9:05

    Bene quello che il Sig. Sindaco Calcinaro sta facendo per Lido di Fermo occorre però che venga anche a Casabianca a vedere in che stato è…..da terzo mondo!!!

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti