fbpx
facebook twitter rss

4 gruppi, 4 interpretazioni del saltarello nella notte in piazza del popolo
(FOTO e VIDEO)

FERMO - Li matti de Montecò, Girolabend, Lu Trainanà e Pablo Corradini Quintet hanno rivisitato il saltarello nella note in piazza del popolo, dopo il ricordo di Giovanni Ginobili
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

Un lunga notte finita dopo la mezzanotte, animata da canti, balli, stornellate al ritmo di saltarello, quella che si è svolta ieri in Piazza del Popolo la cui versione 2017 ha visto Oberdan Cesanelli in qualità di direttore artistico e il consigliere comunale delegato alle politiche del centro storico Luigi Rocchi come ideatore della Notte del Saltarello. Tutto è iniziato nel tardo pomeriggio sul prato di fronte alla statua del Santo Sabino, presso il Girfalco accanto Villa Vinci con una conversazione con Patrizia Ginobili, giornalista e nipote di Giovanni Ginobili o Nannì de lu Conte, nativo di di Petriolo (MC), studioso della marchigianità e delle tradizioni.
La Notte del Saltarello ha visto interventi musicali di Roberto Lucanero e Marco Meo e l’ascolto di una registrazione con la voce dello scomparso Giovanni. Toccante il momento in cui Oberdan Cesanelli ha fatto dono proprio a Patrizia Ginobili di alcuni articoli di giornale che il padre ha conservato per anni con l’intento di consegnarli alla stessa giornalista.
“Patrizia ci ha parlato di tutto il lavoro fatto dal nonno per riscoprire le tradizioni, in un momento bello e emozionante soprattutto nel momento della donazione degli scritti. Siamo soddisfatti della serata musicale e della buona affluenza – ha dichiarato Luigi Rocchi a caldo, al termine delle esibizioni – in una piazza dove si è svolto anche Fermo & Friends. Vogliamo che la notte del Saltarello diventi un appuntamento fisso come la notte della Taranta, con gruppi che cambino ogni anno”.
Dalle 22 infatti si sono susseguite le esibizioni dei 4 gruppi aperte da Li matti de Montecò, seguiti dalla Girolabend, passando per Pablo Corradini Quintet e arrivando a Lu Trainanà, con il saltarello, danze e canti popolari come protagonisti, riletti e reinterpretati da parte dei musicisti.

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X