fbpx
facebook twitter rss

Energie PER l’Italia punta ad un ampio centrodestra e attacca: “Sulla pista ciclabile Regione ridicola”

MARCHE - Il duro commento di Mariantonietta Di Felice sulla situazione nelle zone terremotate e sugli errori del Partito Democratico
venerdì 14 Luglio 2017 - Ore 09:25
Print Friendly, PDF & Email

“La Regione Marche, caduta nel ridicolo a livello nazionale, ritira la risibile proposta del finanziamento alla pista ciclabile. Ma questa non è che la punta dell’iceberg; in verità a un anno dal terremoto la situazione è drammatica”.

È duro il commento di Mariantonietta Di Felice, referente del movimento politico Energie PER l’Italia, creato da Stefano Parisi.

“Le macerie non sono stare rimosse, la gente vive lontano dalle loro case, l’intero entroterra delle Marche del centro-sud (il quale sfugge al sempre ridente Ceriscioli) vive una trasformazione antropologica e sociale sui cui nessuno riflette e che può portare al definitivo abbandono delle aree collinari e montane. I finanziamenti vengono distribuiti a pioggia in tutto il territorio regionale, fino a Gabicce, senza nessuna logica ma soprattutto senza nessun progetto. Mai la nostra regione era caduta così in basso. Il Partito Democratico, dilaniato dalle lotte interne, ha perso ogni capacità di governo. E’ ora, anche alla luce delle recenti elezioni amministrative, di lavorare per una ampia coalizione di centro destra che prenda in mano la guida delle Marche”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X