fbpx
facebook twitter rss

Gesuelli, dalla Folgore Veregra
alla Sangiustese in D

IL PERSONAGGIO - L'ex timoniere folgorino sarà il vice di Stefano Senigagliesi sulla panchina della società maceratese, neo promossa nel campionato di Serie D
venerdì 14 Luglio 2017 - Ore 16:04
Print Friendly, PDF & Email

Raffaele Gesuelli, la scorsa stagione alla guida della Folgore Veregra

MONTE SAN GIUSTO (MC) – L’ex allenatore della Folgore Veregra, Raffaele Gesuelli, riparte come vice di Stefano Senigagliesi sulla panchina della neo promossa Sangiustese, ai nastri di partenza della prossima Serie D. Già esperto nel ruolo di secondo, Gesuelli vanta inoltre in curriculum tante stagioni spese tra i settori giovanili, non da ultimo con la Juniores del Tolentino.

Parentesi amara quella del campionato alle spalle, dove ha guidato la giovanissima compagine gialloblù nel nutrito spezzone intermedio tra le gestioni di Quinzi ed Oddi. Squadra costruita last second, con soli ragazzi alla prima esperienza in Eccellenza, per un’avventura chiusa nell’amaro epilogo della retrocessione a zero punti in graduatoria.

“In questo periodo ci sono stati un po’ di sondaggi, poi eccomi di nuovo in discussione con la massima umiltà vista anche l’esperienza di Falerone – i primi umori di Gesuelli -. Alla fine è arrivata la telefonata del direttore sportivo rossoblù Proculo, ho avuto quindi modo di parlare con il mister e con il presidente, non posso negare che la cosa mi abbia fatto molto piacere. Mi si è riaccesa la passione in un batti baleno ed il resto è storia nota”.

“Spero di poter essere d’aiuto in questa nuova avventura in sella ad una un sodalizio che ha fatto molto molto bene negli ultimi campionati – ha proseguito -. È una società molto attenta a fare il passo lungo come la gamba, senza false promesse ed inutili trionfalismi ma dove, di sicuro, tutti vogliono fare bene. Dopo un’esperienza…. “formativa” come quella dello scorso campionato, è importante per me ripartire con entusiasmo e voglia di scoprire nuove cose. Dispiace vedere la Folgore ancora al palo, con il rischio di scomparire, ho avuto modo di conoscere qualche vecchio presidente e qualche storico dirigente che, di sicuro, soffriranno per questa situazione”.

“La proprietà attuale ha fatto scelte diverse, difficili da comprendere e impossibili da condividere ma se nessuno ha avuto la forza e la possibilità di subentrare, come è recentemente successo in altre blasonate società…. – il commento sulla situazione attuale della Folgore Veregra -. Questo è l’epilogo triste di una lunga storia di sport. Io ne ho fatto parte, purtroppo brevemente e sopratutto nel momento più critico. Chissà se, magari anche lì, non arrivi una telefonata inaspettata che possa riportare il sereno”.

Paolo Gaudenzi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X