fbpx
facebook twitter rss

Lettere al direttore: “Quando i social soppiantano un’opposizione vacante”

PORTO SAN GIORGIO - La lettera di Marco Costi: "Se sono i social a dover rivestire il luogo di dibattito pubblico e gli amministratori vi si sottraggono, vuol dire che i canonici luoghi di rappresentanza sono ormai obsoleti anche per chi dovrebbe adoperarsi per il ruolo di maggiore utilità in una democrazia sana"
venerdì 14 Luglio 2017 - Ore 12:30
Print Friendly, PDF & Email

di Marco Costi

Caro direttore,
se i social a Porto San Giorgio hanno soppiantato la normale funzione di rappresentanza dell’opposizione non è tanto merito dei social quanto demerito di chi la compone.
Non si capisce infatti come si possa rimanere inerti di fronte a due cantieri bloccati ormai da mesi in piena estate in due punti nevralgici della città, quello di viale dei Pini e quello delle mura castellane. Il primo rende difficoltosa la circolazione ad un intero quartiere, il secondo rende indecoroso uno dei luoghi di maggiore attrattiva turistica.
Se sono i social a dover rivestire il luogo di dibattito pubblico e gli amministratori vi si sottraggono, vuol dire che i canonici luoghi di rappresentanza sono ormai obsoleti anche per chi dovrebbe adoperarsi per il ruolo di maggiore utilità in una democrazia sana: quello dell’opposizione. Un ruolo che da troppo tempo è ormai vacante a Porto San Giorgio.

Per inviare le vostre lettere firmate: [email protected]

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X