fbpx
facebook twitter rss

Nike Fermo sui ring
della scena francese

BOXE - Domenica a scorsa a Lione, insieme agli atleti della Kaflot di San Benedetto del Tronto, il sodalizio fermano si è ben messo in mostra davanti alla platea d'oltre Alpi
venerdì 14 Luglio 2017 - Ore 14:07
Print Friendly, PDF & Email

LIONE ( FRANCIA ) – La Nike Fermo, insieme all’associazione pugilistica Kaflot di San Benedetto del Tronto, domenica 1o luglio è stata protagonista ben oltre le Alpi.

I fermani sono stati rappresentati da Anita Bracciolini, categoria 60 kg, che ha sfidato una delle migliori atleti francesi del momento, Cherifi Lilia. Gara chiusa sul verdetto di parità, con la Bracciolini assistita all’angolo dal maestro Fausto Rocco, entusiasta della performaces della fermana:

“Davanti c’era un’atleta di grande valore – commenta Rocco -, ma la nostra Bracciolini seppur dalla sua giovane età ha dimostrato di non temere la dirimpettaia, affrontata nel caldo tifo di casa manifestato a livelli da stadio. Alla fine la prestazione è stata meritevole del rispetto francese, tant’è che il pubblico a chiusura della gara ha salutato la stessa pugile con un lungo applauso”.

Soddisfazione anche per il presidente della Nike Fermo, Luciano Romanella, che dichiara: “Ho sempre nutrito fiducia nella Bracciolini, ed oggi eccola regalarci grandi soddisfazioni – prosegue l’ex assessore allo sport del Comune di Fermo -. Per l’evento francese vorrei ringraziare i maestri della Kaflot di San Benedetto del Tronto per averci coinvolti nell’avventura. Un plauso al loro atleta Yaya Camara, che ha ceduto di misura al verdetto della giuria sul forte francese Amica Jonata. Un cenno anche a Moses Santana che, nella categoria 75 kg, se l’è dovuta vedere con il beniamino locale, Kopa Horzin, per una grande battaglia valsa il più bel match della serata”.

“Ritorneremo volentieri a Lione – conclude Romanella -, abbiamo ricevuto un’ottima accoglienza. In quella città vivono oggi due atleti come Wa Mbayo e Lomami (nella foto a lato), pugili che negli anni ’80 hanno calcato i ring di Sant’Elpidio quando vi era di casa la grande boxe. Indimenticabili le sfide tra loro e l’ex campione italiano professionisti, Luigi Marini, e il grande campione del mondo Sumbu Kalambay. Anche grazie attraverso l’amicizia con il nostro vice presidente del Comitato Regionale Marche, Bruno Cozzi, da quelle parti siamo molto rispettati”.

Paolo Gaudenzi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X