facebook twitter rss

Via Cesare Battisti, il parere dei commercianti: “Un cantiere in piena estate non ha senso”

PORTO SANT'ELPIDIO - Il prolungarsi del cantiere stanziato tra Piazza Garibaldi e via Cesare Battisti, per i lavori di manutenzione sul fosso dell’Albero ha suscitato negli esercenti i che gestiscono le attività circostanti risentimento e lamentele
Print Friendly, PDF & Email

 

di Antonella Polisena e Maikol Di Stefano

“Un cantiere in piena estate non ha senso”. E’ questo il pensiero, quasi unanime dei commercianti di via Cesare Battisti e di tutto il centro città.  Il prolungarsi del cantiere stanziato tra Piazza Garibaldi e via Cesare Battisti, per i lavori di manutenzione sul fosso dell’Albero partiti in concomitanza con la stagione estiva, quindi con la stagione turistica, ha suscitato, negli esercenti che gestiscono le attività circostanti, risentimento e lamentele. “Un paese che dovrebbe puntare a fare turismo, non dovrebbe svolgere lavori del genere nel pieno dei mesi estivi; si poteva partire direttamente a settembre quando si darà il via anche agli interventi in piazza. – fanno sapere i commercianti – Quest’amministrazione sembra non ascoltare, andare avanti per la propria strada ed ignorare le voci di chi la abita”.

Un risentimento pressoché unanime nei confronti dell’amministrazione, rea, stando ai pareri, di non essersi dimostrata in grado di gestire le tempistiche dei lavori troppo lunghi e discontinui. “Un cantiere in centro che lavora solo durante il mercato, poi il resto dei giorni è fermo”. La conclusione di parte delle attività. Lamentele di una parte dei negozianti che l’anno scorso ha appoggiato la chiusura al traffico di via Cesare Battisti credendo che avrebbe portato dei vantaggi. Sembra invece aver sortito l’effetto contrario, come dichiara il proprietario del negozio di calzature Regina Elena “abbiamo avuto perdite del 70-80 percento, non c’è flusso di auto ed ora anche lo scempio dei lavori “.

E’ intervenuto anche l’ex candidato sindaco Mauro Tosoni: “Queste sono mattonelle elettorali, l’esempio di come l’amministrazione non abbia lungimiranza. La questione però è che ha ragione il capogruppo del PD, Aldo Acconcia, quando dice che i commercianti non sanno fare il proprio lavoro. Sono loro ad aver appoggiato queste opere, ora non possono lamentarsi. Sono rimasti fregati a più riprese ma ogni volta continuano ad assecondare un lavoro simile. – prosegue Tosoni – I lavori in via Principe Umberto sono l’esempio lampante. Abbiamo speso 250.000 euro per una pavimentazione inutile, quando con la metà dei soldi si potevano asfaltare tutte le vie del borgo marinaro, ma qui si pensa solo alle prossime comunali. Quindi tre vie con le buche vanno bene, perché l’obiettivo è di fare foto a dei mattoncini messi a caso”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti