facebook twitter rss

Buche lungo la ss16,
il sarcasmo di Bragagnolo:
“Lavori da chiedere per le elezioni”

PORTO SAN GIORGIO - Nel mirino del consigliere 100% civico lo stato in cui versa il manto stradale dell'incrocio tra la statale Adriatica e via Milano
Print Friendly, PDF & Email

“Questa volta permettetemi un pizzico di sarcasmo anche se il problema non è proprio da prendere alla leggera”. Così il consigliere 100% civico, Fabio Bragagnolo sulle buche e gli avvallamenti di cui è tempestato l’incrocio tra la statale Adriatica e via Milano. “Perché il sarcasmo? Perché, al riguardo, ho raccolto diverse segnalazioni e lamentele da parte di residenti, automobilisti, motociclisti e ciclisti. Tutti a chiedermi perché quelle buche, davvero un pericolo per chi transita su quell’incrocio, non siano riparate. Un residente ha anche sollevato la questione in Comune. Ma a quanto pare fanno tutti orecchie da mercante.

Fabio Bragagnolo

E io non ho potuto fare altro che rispondere loro che queste richieste, all’amministrazione, andavano fatte pochi giorni prima delle elezioni. In quel caso, secondo me sarebbero corsi a riparare l’asfalto. Ora chissà. Ma al di là delle battute, che poi tanto battute non sono di certo, il problema esiste eccome. Vorrei ricordare che quelle buche sono un grosso problema per automobilisti ma soprattutto per le due ruote. Da quelle parti c’è anche un negozio di ciclomotori e un ufficio postale, con quindi tante persone a transitarvi ogni giorno. E poi è anche uno dei principali crocevia per raggiungere piazza Torino e viale dei Pini. E come se non bastasse è uno dei due incroci con i T-Red. Quindi oltre che rischiare di beccarsi una multa, lì si rischia anche di perdere il controllo del proprio mezzo di trasporto. Ma tanto abbiamo scoperto che i proventi dei T-Red servono per le feste. A questo punto sollecito vivamente anche io l’amministrazione a intervenire. Ma so che non si vota domani. Quindi a buon intenditor…”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti