facebook twitter rss

Risorse post-sisma e per attività ordinaria: bilancio PD a due anni dal mandato in Regione

FERMO - L’assessore Fabrizio Cesetti, il consigliere Francesco Giacinti, assieme al segretario Paolo Nicolai, hanno voluto fare un bilancio dell'attività svolta presso la sede del comitato provinciale
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

A due anni dall’inizio del mandato al governo della Regione Marche, i rappresentanti del Partito Democratico del Fermano l’assessore Fabrizio Cesetti e il consigliere Francesco Giacinti hanno voluto fare un bilancio dell’attività svolta presso la sede del comitato provinciale.
Ad introdurre l’incontro Paolo Nicolai, segretario provinciale del PD, che ha sottolineato come “i due anni trascorsi dall’inizio del mandato del consiglio regionale siano stati segnati dalla gestione post terremoto. Probabilmente avremmo fatto qualcosa di diverso senza tale emergenza ma voglio ricordare che la Regione ha praticato comunque delle politiche che esulano dal terremoto. Le risorse che arrivano sono frutto della bravura dei nostri amministratori e non arrivano per caso, e questo – ha sintetizzato Nicolai – bisogna riconoscerlo. In alcuni casi, mentre le critiche hanno un bersaglio chiaro, quando arrivano le risorse non si da il giusto merito”.

Nel corso della conferenza stampa è stato fornito un documento con le risorse destinate al territorio Fermano da settembre 2015 a luglio 2017 che è stato illustrato dall’assessore al Bilancio Fabrizio Cesetti: 70 milioni di euro per l’ospedale di Fermo; 2 milioni 450 mila per il progetto culturale che comprende Fermo (Fontevecchia e Terminal), Grottazzolina (teatro Novelli), Amandola (ex collegiata e teatro della Fenice); oltre 5 milioni e 200 mila euro per piani di edilizia scolastica a Montegiorgio, Rapagnano, Montottone, Petritoli, Montefalcone, Smerillo, Ponzano di Fermo, Porto San Giorgio, Montegranaro, Francavilla d’Ete; 4 milioni di euro per la difesa della costa ad Altidona; 1 milione per la difesa della costa a Porto Sant’Elpidio; 1 milione e mezzo per la messa in sicurezza del rischio sismico al liceo scientifico “Onesti”; 5 milioni 800 mila per il progetto ITI urbano di Fermo.

Per quanto riguarda le risorse destinate al Fermano a seguito degli eventi sismici ci sono 32 milioni di euro per finanziare la ricostruzione delle scuole a Fermo, Belmonte Piceno, Falerone, Montegiorgio, Monte Urano; 18 milioni di euro per 23 interventi in altrettanti Comuni per opere pubbliche prioritarie; 18 milioni di euro per l’ospedale ad Amandola; 5 milioni per l’ammodernamento della Strada Provinciale 238 Valdaso nei territorio di Montefalcone e Santa Vittoria in Matenano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti