facebook twitter rss

Fermana, chiuso il mercato con un
poker di arrivi, il nome forte:
l’attaccante Sansovini

SERIE C - I giovani Equizi, difensore dall'Inter e Udoh, attaccante scuola Juventus, completano il pacchetto dei quattro ultimi colpi in entrata insieme all'approdo in canarino del centrocampista del 1991 Doninelli, proveniente dal Siena, dove invece si trasferisce il centrale difensivo Giampà
Print Friendly, PDF & Email

Sansovini in gol con la maglia del Pescara

FERMO – Si chiude con un rush finale di tutto rispetto la campagna acquisti della Fermana. Già annunciato l’ingaggio dell’attaccante Arturo Lupoli a cavallo della mattinata di ieri ( leggi l’articolo ), arriva nella serata la nutrita batteria di nuovi tesserati.

Con la formula del prestito ecco dal Siena il centrocampista Andrea Doninelli, cosentino classe ’91 con esperienze a Genoa, Verona, Juve Stabia, Modena ( in Serie B ), Benevento, Siena e Vibonese in C. Compie invece il percorso inverso, direzione Toscana, il difensore classe ’98 Elia Giampà.

Per un giovane che parte eccone un altro che arriva, Tommaso Equizi, leva del 1997, dall’Inter in prestito per rimpolpare il pacchetto dei difensori. Il ventenne, prima di vestire il nerazzuro, è cresciuto nel settore giovanile del Parma.

Rimanendo in tema di calcio nobile, King Udoh, attaccante, andrà ad indossare il canarino nientemeno che dalla Juventus. Nasce nel 1997 e muove i primi passi calcistici nella Reggiana, prima di passare alla “vecchia signora” che lo manda a maturare nella Primavera del Lanciano, per poi assaporare il professionismo del Pontedera.

Fa il paio con l’ingaggio di Lupoli, per curriculum ed esperienza, la firma della punta Marco Sansovini, della lista di pedine entranti senza dubbio è l’atleta con più pedigree rispondente alla categoria di afferenza. Arriva a Fermo via Teramo, dov’era in prestito sino al 30 giugno dal Pescara.

Classe ’80, l’esperto attaccante può infatti vantare una carriera da 600 presenze e 170 gol tra Serie B, C e coppe nazionali. Calcisticamente cresce nella Roma, prima di approdare al Foggia. Poi Viareggio, Torres, Tivoli e Pro Sesto, infine eccolo al Grosseto che dopo una prima stagione lo cede in prestito al Manfredonia. In curriculum la cadetteria con il Pescara, dove gioca sino al 2012.

Arriva allo Spezia come capitano, prima di passare al Novara, Virtus Entella e nuovamente Pescara, dove rimane sei mesi per poi abbinarsi al cromatismo grigiorosso della Cremonese. Storia recente il trasferimento al Teramo, in Lega Pro, dove chiude la stagione con 9 reti in 38 presenze.

Paolo Gaudenzi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti