facebook twitter rss

La ”lady di ferro” Letizia Bellesi
onora il Fermano negli Usa

TRIATHLON - A Chattanooga, in Tennessee, la montegranarese ha raggiunto il personale obiettivo di completare l'intero percorso di gara, composto da tre ferree prove: nuoto, bike e mezza maratona per un totale di oltre 100 chilometri di tracciato
Print Friendly, PDF & Email

Letizia Bellesi protagonista in USA

CHATTANOOGA – TENNESSEE (USA) – Letizia Bellesi ce l’ha fatta. La montegranarese da sempre appassionata di triathlon ha coronato il sogno di chiudere, nientemeno che ai Campionati Mondiali della Distanza, l’intero percorso di gara in 7 ore, 34 minuti e 2 secondi, tutto questo oltre oceano, portando lustro non solo all’Italia ma anche al Fermano.

Inserita nella categoria F 55 – 59 ( riconducibile alla fascia d’età di appartenenza ) la Bellesi aveva maturato il diritto a parteciparvi grazie alla buona prova offerta nel giugno alle spalle in Abruzzo, nelle relative prove di qualificazione iridate ( leggi il nostro articolo ).

La perfomance ufficiale messa a segno all’arrivo da Letizia Bellesi

“Si è trattato di un percorso durissimo, ma la soddisfazione maturata all’arrivo è stata davvero tanta – l’esordio della Bellesi -. Eccoci al via, dapprima tutti a nuotare sul fiume Tennessee, che da il nome allo stato, controcorrente per 1.900 metri prima di passare al tracciato in bici, identificato sul Look Out mountain, coprendo circa 12 chilometri di salita, per un dislivello totale di 1.093 metri, per un totale di 90 chilometri di prova sulle due ruote. Eccoci poi a correre su strada, stavolta sulla città di Chattanooga, anche qui con parecchi sali e scendi per la mezza maratona, dunque per 21 chilometri“.

“Sono estremamente soddisfatta – ha chiuso in maniera raggiante la Bellesi -, si è trattato di una bellissima esperienza, una gara strepitosa per un’ avventura condivisa insieme ad altre 1.433 signore giunte all’arrivo, mentre altre, purtroppo per loro, non sono riuscite a completare l’intero quadro. Tutto questo è stato possibile grazie a mio figlio Daniele, che mi ha accompagnato e sostenuto nella preparazione, non da meno durante la gara. Il mio obiettivo era giungere al traguardo, facendo quindi quello che identifica il raggiungimento dello scopo, il “goal”, lessico usato come nel calcio, che equivale al coprire cioè l’intera distanza. Tutto questo gareggiando con le migliori del mondo per ciò che concerne la disciplina”.

Paolo Gaudenzi

 

Fotogallery

La medaglia conquistata per aver coperto l’intera distanza di gara sulle tre specialità

Il badge recante il motto della manifestazione

Con altri italiani partecipanti all’evento

Letizia Bellesi indica se stessa sul telo recante i nomi degli iscritti all’edizione 2017


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X