facebook twitter rss

Riduzione dei vitalizi
per i consiglieri regionali,
Bisonni presenta la proposta di legge

ANCONA - Il consigliere regionale: "Legge di portata storica. Nessun partito mai prima d'ora, compreso il Movimento 5 Stelle presente già da due anni e mezzo in Regione che al di là delle chiacchiere non ha prodotto nessuna norma in tal senso, ha messo mano a questo tema spinoso”
Print Friendly, PDF & Email

Sandro Bisonni

Il consigliere regionale Sandro Bisonni ha consegnato oggi una proposta di legge per la riduzione dei vitalizi dei consiglieri regionali marchigiani. Una legge che lo stesso consigliere definisce di “portata storica in quanto sino ad oggi nessuna forza politica regionale ha proposto di ridurli”.
“Nessun partito – afferma Bisonni – mai prima d’ora, compreso il Movimento 5 Stelle presente già da due anni e mezzo in Regione che al di là delle chiacchiere non ha prodotto nessuna norma in tal senso, ha messo mano a questo tema spinoso perché tutti i partiti hanno interesse a mantenere i vitalizi così come sono”.
“La mia proposta -prosegue Bisonni – non prevede l’eliminazione dei vitalizi per il semplice fatto che una norma del genere sarebbe immediatamente impugnata in quanto non rispettosa dei diritti acquisiti. La norma da me proposta provvede ad effettuare il massimo taglio consentito”.
“Se questa legge sarà approvata – continua il consigliere – si risparmieranno 980.000 euro ogni anno che propongo siano destinati in larghissima parte per il sostegno agli alunni disabili e in minima parte per la creazione di un CRAS (Centro per il Recupero degli Animali Selvatici) in Provincia di Macerata a servizio del centro sud delle Marche in quanto attualmente ne funziona solo un in Provincia di Pesaro e Urbino. Mi auguro – conclude Bisonni – che le forze politiche in Regione non ostacolino il percorso e l’approvazione di questa proposta di legge e vadano incontro a quello che i cittadini da diverso tempo chiedono”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X