facebook twitter rss

Gli artigiani Cna protagonisti al Micam, Silenzi: “Abbassare il costo del lavoro per essere più competitivi” (VIDEO INTERVISTA)

CNA -"Il passo successivo a questo percorso condiviso intrapreso anche da CNA è quello che vede i nostri artigiani e imprenditori più competitivi di fronte ai buyer internazionali"
Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

Un’edizione, quella di theMicam, all’insegna della collegialità. Il presidente di Cna Paolo Silenzi traccia un primo bilancio della fiera internazionale della calzatura più importante al mondo che ha visto una presenza importante degli artigiani del Fermano e di CNA.  “C’è stata molta concertazione – spiega Paolo Silenzi  – abbiamo tenuto molto ad organizzare questo evento ed a renderlo appetibile. Un grande sforzo da parte delle associazioni di categoria, della Camera di Commercio di Fermo, di Assocalzaturifici. Un lavoro che ha portato grandi risultati. Vediamo infatti una discreta affluenza nei padiglioni. Una fiera che è stata resa virtuosa da tutto questo”.

Un primo step verso un percorso mirato alla crescita delle aziende artigiane e non solo: “Il passo successivo a questo percorso condiviso intrapreso anche da CNA – spiega Silenzi –  è quello che vede i nostri artigiani e imprenditori di fronte ai buyer internazionali. Purtroppo, il più delle volte, questi compratori ci dicono che i nostri prodotti non sono competitivi. Ciò è dovuto al costo del lavoro, ancora molto alto nel nostro paese, addirittura tra i più elevati in Europa. In contrapposizione a ciò ci sono però i salari che sono invece tra i più bassi in Europa. Oltre a questo c’è il fatto che le imprese non hanno la propensione ad investire. Si viene così a creare un gap che da una parte vede un prodotto bellissimo, superlativo, attuale, fresco e alla moda che rappresenta il nostro territorio, dall’altra però viene a mancare l’appetibilità del prezzo. Una tassazione e un cuneo fiscale così elevato ci porta a non essere competitivi. Non parliamo di competitor internazionali ma di un contesto europeo dove i costi del lavoro dovrebbero essere uniformi.  Il tutto nonostante abbiamo un prodotto superiore, con una serie di surplus,  che però non è molto appetibile sotto il profilo del prezzo.  Su questo bisogna ragionare insieme. Un fattore che è stato posto anche all’attenzione del presidente del consiglio del ministri Paolo Gentiloni che abbiamo avuto l’onore di avere all’inaugurazione del Micam. Avremo modo, spero nei prossimi mesi, di aprire dei tavoli di concertazione che faranno sì che questi aspetti vengano affrontati”.

Da qui anche l’adesione di CNA agli stati generali della calzatura: “Con l’aiuto del mondo dell’università, delle banche e della Camera di Commercio riusciremo a sondare lo stato di salute del distretto e le sue potenzialità. Ogni associazione di categoria avrà un ruolo ai tavoli di concertazione: dall’internazionalizzazione alla formazione fino ad arrivare al credito. Conoscere meglio il nostro distretto è il primo fondamentale per risolverne le problematiche”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X