fbpx
facebook twitter rss

“Per Santiago? Tutta dritta”:
partita dai Pirenei l’avventura
di Andrea Ponticiello

ESPERIENZE - Primi chilometri (e primo timbro sulla credenziale) da Saint Jean Pied de Port verso Roncisvalle per il 41 elpidiense, con indosso la t-shirt di Essumbó
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Ha il fiatone Andrea Ponticiello, mentre “attacca” i Pirenei per raggiungere domani Roncisvalle, indossando la maglia regalatagli da Martina Confaloni di Essumbó con la scritta “Va’ e torna”. Sei dei 31 chilometri della prima tappa del suo Cammino di Santiago già consumati, per fermarsi poi in un rifugio prenotato per la notte.

Troppe persone, troppa confusione a Saint Jean Pied de Port per aspettare ancora. E quindi via, da solo, quasi imitando Thomas Avery, protagonista del film “The way” del regista Emilio Estevez.

Ieri l’arrivo a Lourdes, dopo ben 4 atterraggi. E subito la dissoluzione di una leggenda: “Mi hanno raccontato tutti che uscendo dalla stazione avrei trovato altri pellegrini per condividere un taxi da 260 euro. Invece, non trovando nessuno e dopo una lunga attesa, ho fatto la scelta di un treno per il giorno dopo, pernottando così proprio a Lourdes. Forse era destino, visto che nel programmare le varie tappe un pensiero a visitare la città lo avevo fatto”.

Oggi a mezzogiorno la partenza per Saint Jean Pied de Port, dove ha ritirato la credenziale. “Tutto scorre”, dice. E in testa ancora la frase della proprietaria di un negozio, che alla domanda di Andrea “Scusi, per Santiago?” ha replicato “Tutta dritta”. Scontato, sì, ma di una verità disarmante.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X