fbpx
facebook twitter rss

Vent’anni di Anmi, i Marinai d’Italia
ora hanno anche una via
che porta il loro nome

PORTO SANT'ELPIDIO - Oggi la città, tra bambini festanti, commemorazioni, funzioni religiose e l'intitolazione di una via ai Marinai d'Italia, ha celebrato i 20 anni del gruppo Anmi
Print Friendly, PDF & Email

Una festa dal sapore di mare quella andata in scena oggi a Porto Sant’Elpidio per i 20 anni della fondazione del gruppo Anmi, una celebrazione in onore dei Marinai d’Italia presieduta dal presidente dell’associazione nazionale Paolo Pagnottelli. Presenti le autorità militari e civili del territorio. Raduno interregionale che ha richiamato i gruppi di Marche, Abruzzo, Molise, Emilia Romagna, Lazio e Umbria. “Porto Sant’Elpidio? E’ diventata la capitale del mare” ha sottolineato Pagnottelli dopo le celebrazioni religiose, l’alzabandiera e la corona in mare in memoria ai Caduti.

Tra le autorità presenti il sindaco Nazareno Franchellucci, il direttore marittimo delle Marche, Francesco Saverio Ferrara, il comandante del Circomare, Ciro Petrunelli e il comandante della motovedetta cp538, Cosimo Carbone, il presidente del gruppo cittadino Anpi Francesco Di Donato, il deputato del Pd Paolo Petrini, la presidente della provincia Moira Canigola, il presidente del consiglio Vitaliano Romitelli, la giunta elpidiense e diversi consiglieri tra maggioranza e opposizione. Una domenica di festa iniziata con la sfilata dei bambini e l’inaugurazione della targa che intitola una via proprio ai Marinai d’Italia. Una coincidenza, quella dei 20 anni del gruppo Anmi, che, come ricordato dal sindaco Franchellucci, coincide con i 65 anni del Comune.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X