facebook twitter rss

Tumore tiroideo, dalla diagnosi alla cura:
tutto quello che c’è da conoscere
nel convegno al teatro dell’Arancio

GROTTAMMARE - Gli organizzatori: "Il cancro della tiroide, detto anche carcinoma tiroideo - fanno sapere gli organizzatori - è un tumore maligno della tiroide tra i più diffusi in Italia
Print Friendly, PDF & Email

Si intitola “Tumore tiroideo: stato dell’arte” il convegno organizzato per domani, con inizio alle 14, al teatro dell’Arancio di Grottammare con il patrocinio del comune di Grottammare e dell’associazione Malati tiroidei delle Marche. E nel corso del quale si farà il punto sul carcinoma tiroideo, tumore maligno tra i più diffusi in Italia.

Direttrice del corso è Roberta Micucci, la responsabile scientifica Francesca Capoccetti mentre la responsabile e referente dell’organizzazione è Gloria Rossi. La metodologia didattica è il ‘residenziale interattivo con metodi di insegnamento che vanno dalle lezioni frontali alla discussione di casi clinici per un’integrazione interprofessionale e multiprofessionale, e interistituzionale. Il convegno-corso, alla sua prima edizione, si rivolge a medici, in particolare agli specialisti di medicina nucleare, endocrinologia, chirurgia, radiologia e oncologia), fisici (Fisica Medica), Tsrm, infermieri e mmg. Un convegno accreditato Ecm per medici, fisici, Tsrm e infermieri

“Il cancro della tiroide, detto anche carcinoma tiroideo – fanno sapere gli organizzatori – è un tumore maligno della tiroide tra i più diffusi in Italia. Il decorso della malattia ed il suo trattamento dipendono dal tipo di cellula tiroidea dai cui il cancro deriva. Il cancro della tiroide colpisce più frequentemente il sesso femminile ed insorge mediamente intorno ai 45-50 anni di età . I carcinomi differenziati sono le forme più comuni di cancro della tiroide (>90% dei casi) ed includono le varianti papillari e follicolari. La struttura di queste cellule cancerose è molto simile a quella delle cellule tiroidee normali e quindi questi tumori sono solitamente poco aggressivi. Analogamente alle cellule tiroidee sane, le cellule di questi tumori conservano la capacità di captare lo iodio e possono essere trattati selettivamente con l’ausilio della chirurgia e della successiva terapia con lo iodio radioattivo. Pur essendo una malattia molto diffusa, il percorso di cura può essere complesso e a volte poco chiaro al paziente, coinvolgendo molte figure professionali, dal Medico Nucleare, al Chirurgo, al Fisico Medico. Per questo motivo abbiamo ritenuto di fondamentale importanza concentrare gli argomenti di questo convegno sul decorso della malattia dalla diagnosi alla cura, focalizzando in particolare quale deve essere il corretto iter da seguire. Obiettivo generale:  Informare e formare sul giusto approccio terapeutico in caso di tumore tiroideo e rendere consapevoli i malati delle opportunità terapeutiche più innovative e dei percorsi ad esse collegatiObiettivo specifico: Alla fine dell’attività formativa i partecipanti saranno in grado di individuare il percorso specifico nella lotta al tumore tiroideo e a muoversi con chiarezza e consapevolezza nel complesso ambito sanitario che caratterizza il piano di cura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X