fbpx
facebook twitter rss

Marcozzi: “Alitalia lascia il nostro aeroporto regionale, siamo all’inizio della fine”

AEROPORTO - Jessica Marcozzi:"La decisione di Alitalia, le cui motivazioni vanno ricercate anche nella capacità gestionale dell'aeroporto, rischia di far scivolare il Sanzio e le Marche in un baratro con un isolamento infrastrutturale senza precedenti"
Print Friendly, PDF & Email

 

“Alitalia lascia il nostro aeroporto regionale. Siamo all’inizio della fine”. La capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Jessica Marcozzi entra nel merito della decisione dell’Alitalia di lasciare l’aeroporto di Falconara  e chiede chiarimenti. 

“L’ufficialità della decisione della nostra compagnia di bandiera di lasciare il Sanzio – spiega la Marcozzi –  non può essere sottaciuta rappresentando una mazzata impressionante per la nostra regione, dalla promozione al lavoro, dalle relazioni regionali, nazionali e internazionali fino al commercio e all’economia, con una progressiva perdita di competitività delle Marche, a 360 gradi. E nessuno dall’Amministrazione dice o fa nulla? Stiamo parlando di una compagnia che effettuava tre voli giornalieri da circa 70 posti con un monte viaggiatori di circa 90 mila persone. E con introiti annuali per Aerdorica da 700 mila euro. La tratta Ancona-Roma sepolta. Il Sanzio ora rischia seriamente di morire, di spegnersi definitivamente. E per Aerdorica è partito un brevissimo countdown per cercare il sostituto. Non possiamo certo starcene a guardare perché la decisione di Alitalia, le cui motivazioni vanno ricercate anche nella capacità gestionale dell’aeroporto, rischia di far scivolare il Sanzio e le Marche in un baratro con un isolamento infrastrutturale senza precedenti. Inutile parlare di tagli da 2 milioni sul costo del lavoro. Con la logica dei tagli tout-court senza strategia si rischia di peggiorare ulteriormente la situazione. Urge, dunque, una reale strategia di rilancio che da una parte sappia affrontare con decisione i problemi legati alla situazione debitoria milionaria dell’aeroporto e risolvere il problema connesso al personale a cui va garantita la massima tutela, e dall’altra sappia dare una nuova veste allo scalo aereo marchigiano in strettissima compenetrazione con gli altri scali regionali, nazionali ed internazionali. Al contempo, però, è doveroso che i Marchigiani sappiano come mai l’Alitalia è arrivata a prendere questa drastica decisione. L’Amministrazione deve delle spiegazioni e delle soluzioni. Si agisca immediatamente. Quando nei mesi scorsi dicevamo che era già tardi, non sbagliavamo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X