fbpx
facebook twitter rss

Puliamo il Mondo compie 25 anni:
ecco le iniziative a Porto Sant’Elpidio

PORTO SANT'ELPIDIO - L'assessore all'ambiente Annalinda Pasquali: "Occorre sensibilizzare le giovani generazioni alle buone pratiche, è questo il senso della manifestazione"
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Annalinda Pasquali

Sono 25 anni di impegno civile, sociale e di volontariato ambientale con 15 milioni di persone coinvolte in tutta
Italia e 100 mila aree ripulite. “Questi – raccontano dal Comune di Porto Sant’Elpidio – i numeri di Puliamo il mondo, la storica campagna di  volontariato ambientale organizzata da Legambiente. Volontari di ogni età e provenienza, amministrazioni locali, imprese, scuole ed associazioni muniti di guanti e ramazze ripuliranno strade, piazze , aree verdi, argini dei fiumi, spiagge, dai rifiuti di ogni tipo. Spazzatura che se riciclata può passare a nuova vita e diventare una preziosa risorsa come ben insegna l’economia circolare, alla quale è dedicata la 25 esima edizione di Puliamo il Mondo per ribadire l’importanza dell’ambiente come bene comune, incentivare e promuovere l’inclusione sociale per una società più aperta , accogliente e solidale. Quest’anno, per il venticinquesimo, tutto il mese di ottobre sarà dedicato alla Campagna “Puliamo il mondo”. A Porto Sant’Elpidio due saranno le iniziative con le scuole, la prima domani, l’altra da concordare. Per sabato hanno aderito al progetto tre classi della scuola primaria “De Amicis” di Marina Picena (53 alunni e 7 insegnanti) , una rappresentanza dell’associazione di quartiere ed i genitori degli alunni. Domani, pertanto, dalle 10,30 alle 12,00 ci si ritroverà a Villa Baruchello per procedere alla pulizia del giardino e del parco di questa antica e storica dimora. Il Circolo Legambiente di Porto Sant’Elpidio, incollaborazione con l’Assessorato all’Ambiente, sarà presente per informare sull’importanza dell’iniziativa che si propone di sensibilizzare la cittadinanza al decoro urbano, alla responsabilità verso il bene pubblico, alla pulizia dell’ambiente dai rifiuti di ogni genere e al corretto conferimento dei rifiuti per la raccolta differenziata”. “Occorre sensibilizzare le giovani generazioni alle buone pratiche – dichiara l’assessore all’ambiente  Annalinda Pasquali- è questo il senso della manifestazione; la scuola e la famiglia sono i contesti migliori per apprendere il rispetto dei luoghi pubblici, il valore del decoro urbano e l’importanza di differenziare i rifiuti. Iniziare dall’esempio degli adulti,docenti, genitori, volontari e amministratori,che puliscono insieme ai bambini significa insegnare il rispetto per l’ambiente e per il prossimo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X