facebook twitter rss

ITET e San Carlo: gioco e aggregazione per costruire nuove generazioni

FERMO - Con l’approvazione del collegio docenti e grazie alla collaborazione dello staff del Ricreatorio San Carlo, 120 ragazzi delle 6 classi del primo anno della ragioneria e dei geometri hanno vissuto una mattinata di divertimento e aggregazione, sfidandosi divisi in squadra su più giochi loro proposti.
Print Friendly, PDF & Email

 

Una nuova proposta dell’Istituto Tecnico Economico Tecnologico (ITET) “G.B. Carducci-Galilei” di Fermo per le prime classi dello stesso istituto nel luogo, ormai da anni, simbolo della aggregazione e della crescita giovanile: il Ricreatorio San Carlo.

Ieri mattina, venerdì 6 ottobre, il desiderio della dirigente d’istituto, Cristina Corradini, di dare vita ad un momento di aggregazione per gli studenti delle prime classi ha preso forma illuminando con i sorrisi dei giovani stessi “tutta” la città di Fermo.

 

Con l’approvazione del collegio docenti e grazie alla collaborazione dello staff del Ricreatorio, 120 ragazzi delle 6 classi del primo anno della ragioneria e dei geometri hanno vissuto una mattinata di divertimento e aggregazione, sfidandosi divisi in squadra su più giochi loro proposti. Molto soddisfatta la dirigente Cristina Corradini: “Cerco sempre il meglio per gli studenti che scelgono l’I.T.E.T.; proporre loro una semplice ma allo stesso tempo importante giornata di gioco e divertimento, credo sia stato fondamentale. Sfidandosi divisi in squadra – continua la dirigente scolastica – hanno sperimentato sul campo cosa significhi fare gruppo, rispettare le regole per divertirsi insieme, hanno incontrato la bellezza dell’essere uniti e, così facendo, crescere insieme”.

 

Don Michele Rogante, direttore del Ricreatorio San Carlo di Fermo

Molto soddisfatto anche il direttore del San Carlo, don Michele Rogante:“Alla richiesta dell’ITET di ospitare un momento di aggregazione per i giovani studenti, non ho potuto dire di no. Seguo un po’ le proposte dell’istituto e condivido le attenzioni riservate ai giovani; immaginavo potesse essere una splendida idea la mattinata di gioco ed il San Carlo non è voluto mancare”.

Il tutto è terminato con una ricca merenda offerta dalla scuola.

Un grazie sincero – conclude la dirigente Corradini – va a chi ha permesso che tale giornata potesse essere organizzata: al collegio docenti, al Ricreatorio San Carlo per l’ospitalità, allo staff del ricreatorio per i giochi ma soprattutto ai giovani stessi che si sono messi in gioco accogliendo la proposta”.

Ricordo dell’evento, una matita con il logo dell’istituto regalata ad ogni studente.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X