facebook twitter rss

Ospita una persona in casa:
revocata a una donna
l’accoglienza del progetto Comune-Sprar

PORTO SAN GIORGIO - La stessa misura è stata adottata nei mesi scorsi dagli uffici comunali nei confronti di un giovane migrante che si era reso protagonista di una furibonda lite con un altro ospite della struttura
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Accoglienza revocata ad una migrante arrivata a Porto San Giorgio la scorsa primavera. Il provvedimento è stato firmato dalla dirigente del settore politiche sociali e culturali del Comune un paio di giorni fa. Si tratta della seconda revoca nel giro di pochi mesi a dimostrazione del fatto che i controlli messi in atto sia dall’ente che dalla cooperativa che gestisce il progetto Sprar funzionano. La donna, che è stata esclusa dal sistema di accoglienza dei rifugiati ed esiliati di cui Porto San Giorgio è capofila, avrebbe ospitato una persona estranea al progetto nella struttura in cui risiedeva. Così si legge nelle motivazioni. E dopo la lettera di richiamo è scattato il provvedimento di revoca. Il comportamento della donna, quindi, contravverrebbe al contratto di accoglienza che “disciplina diritti e doveri” del titolare di protezione umanitaria “nel corso della sua permanenza all’interno del sistema Sprar. La volta precedente una misura così pesante era stata adottata dagli uffici comunali nei confronti di un giovane migrante che si era reso protagonista di una furibonda lite con un altro ospite della struttura. In entrambi i casi, tuttavia, i migranti esclusi dal progetto non saranno abbandonati al loro destino ma accompagnati in un percorso di inserimento differente da quello del Comune.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti