facebook twitter rss

Sagre di qualità, Malaigia:
‘Con il mio emendamento
inclusione dei diritti dei disabili’

ANCONA - La vicepresidente del consiglio regionale: "Con l'emendamento approvato all'unanimità, gli organizzatori delle manifestazioni saranno di fatto chiamati a garantire l'accessibilità a tutti ovvero ad assicurare la possibilità di presenziare ai disabili anche con l'ausilio di personale dedicato ove esistano barriere architettoniche"
Print Friendly, PDF & Email

Marzia Malaigia

“Grazie al mio emendamento sulla proposta di legge approvata oggi in Aula con oggetto le Sagre di qualità, si garantisce il pieno rispetto dell’inclusione sociale così come sancito dalla Convenzione dei diritti delle persone con disabilità”. Così la vicepresidente del consiglio regionale, Marzia Malaigia che continua: “In Aula abbiamo recentemente aderito alla Convenzione Onu sui diritti dei disabili impegnandoci formalmente a tenere alto il valore di determinate scelte che vadano nella direzione del rispetto dei diritti di tutti. Nonostante l’approvazione di quest’atto, purtroppo molto spesso mi sono trovata spettatrice di episodi in cui è stato tutt’altro che garantita la piena opportunità di partecipazione a tutti i cittadini. Auspico a non dover più ricorrere a tali distinzioni – conclude la vicepresidente- ovvero a veder garantiti concretamente i diritti fondamentali dell’uomo senza “precisazioni formali” negli articoli di legge.
Con l’emendamento approvato all’unanimità, gli organizzatori delle manifestazioni saranno di fatto chiamati a garantire l’accessibilità a tutti ovvero ad assicurare la possibilità di presenziare ai disabili anche con l’ausilio di personale dedicato ove esistano barriere architettoniche. La sagra potrà così definirsi di “Qualità” se riuscirà a garantire a tutti e non solo a qualcuno la possibilità di potervi partecipare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti