facebook twitter rss

Campolongo sul Brenta e Fermo unite
nel ricordo dei profughi
della Grande Guerra

VENETO - Celebrazioni in Veneto per ricordare gli esuli di Campolongo (Vicenza) ospitati 100 anni fa a Fermo
Print Friendly, PDF & Email

“Cento anni fa la città di Fermo accolse numerosi cittadini provenienti da Campolongo sul Brenta, esuli della Grande Guerra e – ricordano dal Comune – conseguenza della disfatta di Caporetto. Per ricordare questo fatto il Comune veneto ha organizzato nella scorsa fine di settimana un momento celebrativo (con un’iniziativa solenne ed un concerto) al quale è stato invitato il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro. In particolare, il ricordo di questa pagina di storia è avvenuto nel corso di un Consiglio Comunale straordinario nella Chiesa Parrocchiale di Campolongo cui hanno preso parte autorità civili, militari, religiose e cittadini. A fare gli onori di casa il primo cittadino Mauro Illesi.

“Memoria è la parola chiave per poter comprendere il passato e vivere il futuro, affrontarlo con consapevolezza – ha detto il sindaco di Fermo Calcinaro nel corso della seduta straordinaria del civico consesso – è memoria ricordare l’innato spirito dei fermani che, in nome della loro naturale vocazione, accolsero e ospitarono uomini, donne, bambini e anziani scappati dagli obbrobri e dalle brutture della guerra. Un fatto che non può essere assolutamente dimenticato, emerso grazie all’accurata ricerca condotta dagli studenti dell’Itet “Carducci-Galilei” di Fermo nel 2015 e che è valso loro un premio della Prefettura e dell’Ufficio Scolastico regionale. Principi come l’accoglienza e l’ospitalità che oggi diventano di straordinaria attualità, di cui questo fatto storico può assurgere ad esempio per la società e per i giovani a saper andare incontro ai moderni esuli, ovvero chi fugge da guerre, fame e disperazione con lo stesso spirito con cui, senza alcuna distinzione, i fermani aprirono le porte delle loro case e soprattutto le loro braccia agli amici di Campolongo per essere di sostegno e di aiuto e creare le condizioni per ripartire e costruire un futuro migliore”.

“La data dell’11 dicembre 1971 per noi è stato un momento doloroso – ha detto il sindaco di Campolongo Mauro Illesi – ma la solidarietà ed il riconoscimento non possono essere dimenticati. Per questo abbiamo anche dato alle stampe una pubblicazione sul periodo del profugato per non dimenticare e soprattutto per far conoscere quanto avvenuto alle future generazioni”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti