facebook twitter rss

Trattoria Excelsior: la storia continua

PORTO SAN GIORGIO - Riapre la trattoria al centro della città. Un locale con quasi 100 anni di storia che negli ultimi mesi era rimasto chiuso. Camillo Iommi e i figli, Giorgio e Niccolò, sono i protagonisti di questa nuova avventura che partirà il 19 ottobre.
Print Friendly, PDF & Email

Camillo Iommi con Giorgio e Niccolò

 

di Nunzia Eleuteri

“Noi riapriamo la storica Trattoria Excelsior Porto San Giorgio. Pochi posti per tanti amici. Giorgio, Camillo e Niccolò”. A questo brevissimo post Facebook accompagnato da una foto molto comunicativa per la bellezza e tipicità del locale, hanno risposto in tantissimi con grande entusiasmo.

 

Camillo Iommi e suoi due figli, Giorgio e Niccolò, che lo seguiranno in questa nuova avventura, apriranno domani, giovedì 19 ottobre, la Trattoria Excelsior, locale storico sangiorgese, in pieno centro, accanto all’omonimo cinema, spina nel fianco della città.

 

E’ una grande notizia per chi ama la tradizione. La trattoria, infatti, risale agli anni ’20 ed è stata un punto di riferimento per molti. Dopo il susseguirsi di diverse gestioni, il ristorante è rimasto chiuso in questi ultimi mesi. E’ così che Camillo Iommi ha pensato di far tornare a brillare le luci di quelle vetrine e mettere a frutto la sua lunga esperienza nel settore coinvolgendo anche i suoi figli in questa gestione familiare che ha tutte le carte in regola per essere un successo:“Ho scelto un menù piuttosto tipico, pesce povero ma non solo pesce – racconta trafelato tra gli ultimi preparativi – anche l’arredamento è caratteristico. Ci sono mobili che avevo e stoviglie che ho custodito con cura in tutti questi anni di esperienza di ristorazione. Piatti e bicchieri diversi ma ricercati. Vorrei che chi deciderà di sedersi da noi si senta come se fosse a casa”.

 

Nessun dubbio su questo per tutti quei clienti che in passato hanno frequentato un altro locale, meno antico ma che racconta un’altra bella storia sangiorgese di ristorazione e di amicizia, in cui ci si sentiva proprio a casa:“Pino e Camillo”. Di quei tempi andati, dal 1987 fino ai primi anni del nuovo millennio, resta una targa che ora si potrà mirare in una delle pareti della trattoria Excelsior. Perché si sa, la storia resiste al tempo solo se c’è qualcuno che continua a raccontarla.

Camillo, Giorgio e Niccolò hanno già centinaia di apprezzamenti in poche ore dalla pubblicazione del post Facebook:“Pochi posti per tanti amici”. E c’è da scommetterci che in un ambiente così accogliente e familiare gli amici saranno sempre di più.

 

Camillo Iommi con l’amico di sempre, Pino Rogante


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti