facebook twitter rss

Dopo 42 anni di servizio
Umberto Beltrami va in pensione

PORTO SANT'ELPIDIO - Consegnata dal sindaco Nazareno Franchellucci una targa ricordo allo storico dipendente del settore Servizi Cimiteriali. Presenti anche il presidente del Consiglio Vitaliano Romitelli ed il consigliere Sergio Ciarrocca
Print Friendly, PDF & Email

“Per la serietà, la competenza e la dedizione con cui ha sempre svolto la propria attività professionale”. Il testo della targa che il sindaco di Porto Sant’Elpidio Nazareno Franchellucci ha consegnato ad Umberto Beltrami, storico dipendente del Comune, impiegato nel settore Servizi Cimiteriali ed andato in pensione, riassume il pensiero dei colleghi e dell’intera amministrazione comunale.

“Umberto – sottolinea Franchellucci – si è sempre caratterizzato per essere una grande lavoratore, sempre disponibile e cortese con tutti, le persone come lui continueranno a rimanere un punto di riferimento per i nostri uffici e per gli stessi cittadini e sono sicuro che non farà mai mancare il suo supporto e la sua disponibilità per qualsiasi esigenza o necessità”.

Dopo 42 anni di onorato servizio, di cui ben 37 nella città di Porto Sant’Elpidio, raggiunge finalmente l’ambito traguardo della pensione ed il sindaco, insieme al presidente del Consiglio Vitaliano Romitelli ed il consigliere Sergio Ciarrocca, ha voluto suggellare questo momento con la consegna di una targa ricordo.

“Lasciare un traguardo ormai raggiunto – ha proseguito il primo cittadino – non è facile per nessuno, ma sono sicuro che al di fuori di tutto questo ci sarà un mondo pieno di gioia, felicità e fortuna. Ci tengo a ringraziarlo per la serietà e la professionalità che hanno sempre contraddistinto il suo operato e formulo i migliori auguri di un sereno pensionamento affinché la nuova ‘avventura’ sia foriera di tante belle novità, ricca di interessi, affetti e meravigliose sorprese e soprattutto all’insegna del dolce far… tutto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti