facebook twitter rss

”1.523 volte grazie”,
parola di Ronny Bigioni

SERIE A2 - L'amministratore delegato della XL Extralight ringrazia gli appassionati di basket del Fermano per la fiducia dimostrata al progetto Poderosa, premiato dalla platea di riferimento dall'incredibile numero di abbonamenti sottoscritti
Print Friendly, PDF & Email

L’ a. d. societario in Comune a Montegranaro, nell’estate alle spalle, durante l’ufficializzazione del binomio stretto con il PalaSavelli per le gare interne di campionato

MONTEGRANARO – Un exploit di queste proporzioni qualche mese fa non se lo sarebbe aspettato nemmeno il più fervido degli ottimisti. Ed invece la realtà stavolta ha superato il sogno.

Domenica scorsa, in occasione della seconda partita interna della stagione, la Poderosa ha chiuso la campagna abbonamenti 2017/18. Ed il dato definitivo delle tessere sottoscritte va oltre ogni più rosea aspettativa: 1523 abbonamenti, provenienti da tutto il Fermano e non solo. Un risultato che premia l’enorme sforzo profuso dalla società dalla scorsa estate per allargare la base dei propri sostenitori.

Questo il commento dell’amministratore delegato Ronny Bigioni. “Se la notizia fosse arrivata oggi e non avessimo seguito l’evoluzione della campagna dal giorno del lancio ad oggi saremmo caduti dalla sedia. Sapendo però quanto lavoro è stato fatto dietro le quinte, e seguendone l’evoluzione nel corso delle settimane, più che sorprendermi devo solo pronunciare tanti grazie”.

Grazie ovviamente a tutti i 1523 che ci hanno dato fiducia praticamente a scatola chiusa, visto che in ogni caso siamo una società che si affaccia per la prima volta a questo livello e in questo palasport – prosegue Bigioni -. Grazie al Poderosa Family, che con il suo instancabile lavoro ha catalizzato risorse e abbonamenti che rappresentano linfa vitale per la nostra realtà. Grazie allo staff societario, che ha lavorato duro in questi mesi con idee e iniziative per far sì che l’esperienza dello spettatore al PalaSavelli fosse il più confortevole e accattivante possibile. Pensare alle 400 persone che venivano alle nostre partite un anno fa e vederne ora 2500 o più al PalaSavelli fa davvero impressione. Ma non ci fermiamo qui: – ha concluso –  questo per noi è un punto di partenza, ora la sfida sarà quella di tenerci stretti coloro che si sono fidati di noi e convincere gli altri della bontà del nostro progetto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti