fbpx
facebook twitter rss

La Grande Guerra nel racconto
dei nonni, per non dimenticare

MONTE SAN PIETRANGELI - Gli alunni della 5L della Scuola Primaria insieme alla maestra Manola Cancellieri hanno fatto visita al Comune per visionare documenti dell’archivio storico
giovedì 2 Novembre 2017 - Ore 10:46
Print Friendly, PDF & Email

Conoscere il passato per affrontare il futuro. È questo il lavoro eseguito dagli alunni della 5L della Scuola Primaria di Monte San Pietrangeli, che, insieme alla maestra Manola Cancellieri, giovedì 26 ottobre hanno fatto visita al Comune per visionare documenti dell’archivio storico, guidati dalla responsabile dell’Ufficio Anagrafe Damen Fiorenza.

Il passato, lontano e doloroso, è quello delle due cruente guerre mondiali che hanno segnato il XX secolo. L’occasione è stata offerta dall’anniversario della fine della Grande Guerra siglata con la firma dell’armistizio con gli austro-ungarici a Vittorio Veneto, e dalla giornata dedicata al ricordo dei caduti, che a Monte San Pietrangeli verrà commemorata domenica 5 novembre.

I bambini hanno cercato di ricomporre i tasselli come in un grande puzzle, intrecciando gli avvenimenti bellici con i racconti commoventi dei nonni e di coloro che non hanno fatto la guerra, ma che tuttavia ricordano il clima, la paura e le speranze di quel terribile momento.

Sono riaffiorati i volti e gli umori degli uomini, i mestieri e la vita semplice del paese. Tutto è stato legato da letture di alcuni brani di “Un anno sull’Altipiano” di Emilio Lussu, il più bel racconto della prima Guerra mondiale, fino alla lettura dei racconti tratti dal libro “Pane Nero” di Miriam Mafai che ricostruisce la vita quotidiana di un esercito femminile vissuto negli anni del pane nero.

I bambini vogliono non dimenticare, un impegno al quale chiamano anche gli adulti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X