fbpx
facebook twitter rss

Quote rosa, Loira e Agostini
in aula: tutto in mano al Tar

ANCONA - Questa mattina il sindaco e il consigliere di opposizione, nelle vesti di avvocato, hanno detto la loro dinanzi al Tar che potrebbe esprimersi già entro il week end. Presentate da Loira le mail con cui ha contattato una ventina di donne tra le quali non c'è l'ex assessore Ciabattoni
mercoledì 8 Novembre 2017 - Ore 13:36
Print Friendly, PDF & Email

Nicola Loira e Andrea Agostini

di Sandro Renzi
E’ terminata poco fa l’udienza davanti al Tar di Ancona per discutere del ricorso presentato da tre consiglieri di opposizione contro il decreto di nomina della giunta da parte del sindaco Loira. Il motivo è arcinoto: mancato rispetto della norma sulla parità di genere. All’appello manca infatti una seconda donna in squadra. Oggi si sarebbe dovuto discutere della richiesta di sospensiva avanzata dall’avvocato Andrea Agostini che ha stilato il ricorso per conto dei consiglieri Maria Lina Vitturini, Carlo Del Vecchio e Renzo Petrozzi. Operazione da cui invece si sono dissociati i colleghi di minoranza Fabio Bragagnolo e Marco Marinangeli. A difendere la posizione del comune lo stesso primo cittadino.

Un faccia a faccia tutto interno all’aula di tribunale quello tra l’ex sindaco Agostini e l’attuale. Con Loira impegnato ovviamente a dimostrare la bontà del suo operato e ad illustrare il piano di rimozione della discriminazione approvato dalla giunta, firmato dal sindaco e accettato pure dalle consigliere di parità. A disposizione 120 giorni per nominare un nuovo assessore donna. Impegno che potrebbe bastare ai giudici per far venire meno pure l’esigenza cautelare proposta dai ricorrenti. A questo punto la parola passa ai giudici amministrativi che già nel fine settimana potrebbero sciogliere la riserva proprio su questa richiesta. Nel corso dell’udienza il sindaco Loira, a supporto della memoria difensiva, ha presentato oltre una ventina di mail indirizzate ad altrettante donne, tra cui le attuali consigliere Pd, con le quali chiedeva la loro disponibilità a ricoprire un ruolo all’interno dell’esecutivo. Richiesta, quella del sindaco, caduta però nel vuoto. Tornando alle destinatarie di quelle mail, l’avvocato dei ricorrenti, Andrea Agostini ha fatto notare che tra le donne contattate mancasse l’ex assessore e attuale consigliera Pd, Catia Ciabattoni. Una ‘mancanza’ quasi automatica visto che il primo cittadino, come già nei mesi scorsi apertamente dichiarato, non ha voluto riconfermare a Ciabattoni l’incarico assessorile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X