facebook twitter rss

Le roulotte possono restare nei camping:
la Regione modifica la legge sul turismo

MARINA PALMENSE - La novità sulla normativa regionale riaccende le speranze del Comitato 'Salviamo il Verde Mare'
giovedì 23 novembre 2017 - Ore 13:25
Print Friendly, PDF & Email


“Martedì scorso nella prima udienza per il contestato reato di lottizzazione abusiva al più grande campeggio della Regione Marche, oggi ancora sequestrato – fa sapere l’avvocato Cristina Materazzi per conto del Comitato Salviamo il Verde Mare – sono state calendarizzate le udienze, la prima a maggio 2018, l’ultima a maggio 2019.  Fulvio Riccio, presidente del comitato Salviamo il Verde Mare commenta così la notizia: ‘Pur giudicando positivamente il fatto di aver già calendarizzato le date delle 4 udienze garantendo così l’opportunità di una trattazione e conseguentemente di una comprensione unitaria della vicenda giudiziaria, speravo in tempi più ristretti. Ma com’era prevedibile l’iter del processo impedisce di fatto che vi sia una sentenza prima della prossima stagione estiva‘.
“La mancata apertura del Verde Mare nel 2017 – il punto dell’avvocato Materazzi – ha prodotto da un lato una drastica riduzione delle presenze turistiche nella riviera fermana con un conseguente impoverimento del tessuto economico di tutta l’area, dall’altro una forte incertezza da parte di gran parte dei titolari di altri campeggi della riviera che stanno di fatto cacciando gli stagionali dalle strutture, impoverendo ancor più l’offerta turistica del territorio.  La speranza di rivedere aperto il Verde Mare nell’estate 2018 non è tuttavia tramontata. Le novità normative fanno sperare che nell’immediato futuro si possano trovare possibili strade alternative per la riapertura del camping. Il Consiglio Regionale nella seduta del 22 novembre scorso ha difatti approvato un’importante modifica della Legge Regionale sul turismo attraverso cui si conferma la possibilità da parte dei campeggi, di effettuare la presa in custodia invernale delle roulotte nella medesima piazzola nella quale il mezzo di pernottamento è ubicata per la stagione estiva”. “La votazione da parte del Consiglio Regionale – aggiunge Materazzi riportando dichiarazioni di Riccio – è la dichiarazione espressa e la conferma che tutti i campeggi delle Marche, compreso il Verde Mare, hanno assunto condotte assolutamente lecite. Lasciare i mezzi di pernottamento in custodia nelle medesime piazzole anche durante il periodo di chiusura, non è una innovazione, posto che la precedente formulazione normativa non escludeva espressamente tale possibilità, ma è la dissipazione, in ogni occasione dove questo sia stato reso o si renderà necessario, con forza esemplificatrice e chiarificatrice, di interpretazioni ondivaghe sulla conformità di quelle condotte che, in ossequio agli altri principi sanciti, non sono state che modalità di attuazione di una pratica legittima e diffusa. La consuetudine di tornare negli stessi territori e di essere liberi di lasciare i propri mezzi, inutilizzati, in custodia alle strutture ricettive di riferimento, senza con ciò doverli necessariamente spostare da una piazzola all’altra, è una pratica non solo possibile, lecita, legittima e ispirata ad un senso di praticità, ma è anche uno dei modi di affermazione dell’importanza della semplificazione dell’offerta turistica nella comprensione del suo fenomeno diffuso e della sua importanza economica. Spero che nell’immediato futuro, anche grazie a tale riforma normativa, si possano trovare possibili strade alternative per permettere che i turisti possano di nuovo villeggiare nella splendida riviera fermana fin dall’estate 2018”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..



1 commento

  1. 1
    Antonella Splendiani il 23 novembre 2017 alle 12:37

    Ma fate lavorare le persone intanto fate tutte le udienze che volete alla fine si decide se chiudere o no !

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X