facebook twitter rss

U15, Fermo cede il passo
interno al Ponte Vecchio Perugia

BASKET - Impresa corsara degli umbri di coach Casuscelli che portano a casa l'intera posta in palio ai danni della squadra del collega Perini per 75 - 79
sabato 25 novembre 2017 - Ore 01:09
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Black Fiday, ma in senso letterale, per l’U15 della Basket Fermo sconfitta in casa dal Ponte Vecchio Basket PG. Un torbido venerdì nero che vede i ragazzi del coach Perini frenare la corsa a punteggio pieno in testa alla classifica. Un passaggio da prima a terza, almeno in attesa dello scontro di domenica tra Pesaro e Ancona le altre due squadre di alta classifica, che spinge la squadra fermana a non commettere più passi falsi se vuole raggiungere il risultato finale che sicuramente merita.

IL TABELLINO

BASKET FERMO 75: Nasini, Bocola, D’Amico, Grandoni, Maroni, Camarri (cap) 18, Bastarelli, Moretti 14, Merlini 9, Guenci 25, Donzelli 9, De Angelis. All. Perini

PONTE VECCHIO BASKET PERUGIA 79: Cignarini 2, Berardi, Chiappa 14, Venturelli, Bindocci (cap) 28, Zurino, Formenti, Floris, Capociuchi, Tenaglia 31, Marri 4. All. Casuscelli

PARZIALI: 17 – 9; 35 – 35; 49 – 47

LA CRONACA

La partita ha avuto alti e bassi da entrambe le parti con importanti azioni d’attacco e varie imprecisioni in difesa. Il primo e il terzo quarto hanno visto prevalere i padroni di casa mentre il secondo e il quarto gli ospiti. Forse la partenza in vantaggio ha fatto pensare ai giovani fermani che le cose potessero essere più facili del previsto, certo che si è notato in campo un calo di tensione e di concentrazione rispetto a quanto fatto vedere nelle gare precedenti. Soprattutto in difesa.

Ed è proprio in quel settore che si è giocata la partita. La difesa della Basket Fermo ha portato nelle gare precedenti ad una media di 48 punti subiti: i 79 di oggi mostrano che qualcosa in quel settore non ha funzionato. Senza nulla togliere al valore degli atleti umbri, soltanto due di loro hanno realizzato sessanta punti, quasi trenta a testa (capitan Bindocci addirittura con otto triple): una marcatura un po’ più stretta avrebbe portato agli avversari un bottino meno ricco.

Ma tant’è. Dice un vecchio adagio che nello sport come nella vita se si è accorti non si perde mai: o si vince o si impara. Oggi i ragazzi dell’U15 hanno imparato molto nella speranza che non ripeteranno più il Black Friday che, come lo shopping ci insegna, dovrebbe venire una sola volta l’anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X