facebook twitter rss

Marco Cavallo, Coleman e Mariuccia, via Zeppilli: ad ArtAsylum si raccontano le storie dei “matti”

FERMO - Prossimo appuntamento giovedì 14 dicembre alle ore 18 con la partecipazione di Ernesto Buondonno, autore del libro "Frammenti - Piccole storie di psichiatria".
sabato 9 dicembre 2017 - Ore 12:12
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

foto di Alessandro Miola

Hanno preso il via giovedì scorso gli incontri sul tema della salute mentale collegati alla mostra fotografica di Alessandro Miola dal titolo “Via Zeppilli”, in esposizione fino al 3 gennaio all’interno di ArtAsylum in Piazza del Popolo a Fermo.

Il primo a portare un importante contributo è stato Alessandro Metz, cooperatore sociale de “La Collina” di Trieste, che ha ripercorso gli anni precedenti l’approvazione della Legge 180 del 13 maggio 1978, focalizzando l’attenzione sulla figura di Franco Basaglia e sul suo approccio nei confronti dei pazienti dell’ex manicomio del capoluogo del Friuli-Venezia Giulia.

Metz ha ricordato aspetti particolari di quella straordinaria esperienza, come la costruzione di Marco Cavallo, opera in legno e cartapesta divenuta il simbolo di quegli anni; o come il concerto di Ornette Coleman all’interno della struttura, piacevolmente interrotto da Mariuccia e dalla sua fisarmonica, immediatamente accompagnata dal grande sassofonista statunitense. Un luogo, l’ex ospedale psichiatrico triestino, che dopo la chiusura per effetto della stessa Legge Basaglia si è nel tempo trasformato, arrivando ad essere da oltre 4 anni il contenitore del Lunatico Festival, manifestazione che si svolge tra il mese di luglio e quello di agosto, con punte di oltre 20.000 presenze ed un cartellone di spettacoli teatrali, di narrazioni e musicali.

“Sono storie di matti – ha commentato Metz – che non dobbiamo dimenticare e le cui dinamiche devono rimanere un patrimonio condiviso, anche attraverso la stessa fotografia. Perché viviamo tempi di regressione, rispetto alle conquiste sociali di quegli anni, e oggi ancora di più dobbiamo impegnarci affinché la nostra comunità resti accogliente e non escludente”.

Il prossimo appuntamento da ArtAsylum è fissato per giovedì 14 dicembre, alle ore 18, con la partecipazione di Ernesto Buondonno, autore del libro “Frammenti – Piccole storie di psichiatria”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X