facebook twitter rss

Franchellucci e il 2018 al voto:
“Noi elpidiensi abbiamo sempre cercato altrove il bello, non sarà più così'”VIDEO INTERVISTA

PORTO SANT'ELPIDIO - "Rispetto a quello che abbiamo vissuto 5 anni fa, dove avevamo tutti nuovi candidati e quindi si dibatteva sulle qualità dei singoli e sulle idee, oggi la situazione è completamente diversa"
domenica 31 dicembre 2017 - Ore 11:34
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti

“E’ stato un anno molto impegnativo dove tanti di quei lavori che avevamo promesso sono iniziati. Sono arrivate le risposte all’attesa di una città come Porto Sant’Elpidio per avere un centro riqualificato. Penso parallelamente anche al cineteatro Gigli, questione che da tantissimi anni è oggetto di dibattito. Il fatto di vedere la fine di questo 2017 con il cantiere attivo e i lavori in corso in maniera molto rapida, rendono certamente l’idea di quanto lavoro sia stato fatto per arrivare centrare l’obiettivo”.

Bilancio di fine anno per il sindaco di Porto Sant’Elpidio Nazareno Franchellucci. Lo abbiamo incontrato a casa, in uno dei  preziosi momenti di pausa dal Comune e prima di una campagna elettorale che si preannuncia quanto mai calda. Primo cittadino che tocca i temi più importanti per il futuro della città e parla della competizione elettorale che lo vedrà, la prossima primavera, a confronto con gli altri candidati.

“Un anno complicato – spiega – davanti a un trend nazionale, come certificato dai numeri , che  parla di lieve ripresa del tessuto artigianale e  produttivo, la situazione del nostro tessuto sociale è ancora molto difficile e complicata.  E’ vero che ci sono delle prospettive e degli spiragli  di luce soprattutto per il settore turistico e in alcuni casi anche nell’ambito calzaturiero, ma gli ostacoli sono ancora veramente tanti.  C’è troppa gente in difficoltà, troppe famiglie che continuano a chiedere aiuto al Comune. Parliamo anche di famiglie storiche elpidiensi. Se devo fare un bilancio di questo 2017  da una parte c’è il grande lavoro per continuare a dare attrattiva alla nostra città, dall’altra tanta attenzione  riguardo per queste situazioni che fanno ancora fatica a migliorare”.

LA SODDISFAZIONE PIU’ GRANDE

“Tante volte sono passato, in questi quattro anni e mezzo, davanti al cineteatro Gigli, chiedendomi se mai tutto il lavoro che stavo facendo avrebbe portato a quello che stiamo vedendo – ci spiega Franchellucci –  Devo dire che ho una grande soddisfazione per quello che  stiamo vedendo. Poi il futuro dipende da te e dagli elettori che decideranno se riconfermarti oppure no. C’è però la soddisfazione di dire che questo passaggio c’è e che finirà con l’inaugurazione di un luogo identitario dove ritrovarsi”

Sindaco che aggiunge: “Se mi posso permettere, una delle cose che ho sempre un po’ criticato a noi elpidiensi, è che abbiamo sempre cercato altrove il bello, il luogo dove fare una passeggiata, dove andare con la famiglia. Quasi che noi non ci meritassimo, come cittadini di Porto Sant’Elpidio, di avere un posto bello dove ritrovarci e poter dire questa è la nostra piazza. Il fatto che si possa cambiare l’approccio generale credo sia importante anche per solidificare e continuare a costruire l’identità di una città ha compiuto 65 anni”.

PORTO SANT’ELPIDIO AL VOTO

2018 che rappresenta l’anno del voto per Porto Sant’Elpidio. “Rispetto a quello che abbiamo vissuto 5 anni fa, dove avevamo tutti nuovi candidati e quindi si dibatteva sulle qualità dei singoli e sulle idee, oggi la situazione è completamente diversa. Quando ti ricandidi dopo 5 anni  porti il tuo bagaglio delle cose fatte e di quelle non fatte, di quelle che avresti voluto fare e di quelle che non sei stato in grado di fare. Ci prepariamo a questa sfida con tante cose fatte, con tante risposte, ma dall’altra, naturalmente, anche la serietà e la consapevolezza anche di quelle cose che non sono state risolte ma con prospettive buone, per cercare nei prossimi cinque anni di dare risposte concrete“.

IL PROBLEMA EROSIONE COSTIERA

Franchellucci che sottolinea: “Una questione su tutte, che veramente mi sta a cuore e che molto mi ha pesato nel corso di questi 5 anni e che non potrò non riaffrontare in maniera forte anche in questa campagna elettorale è quella legata al mare. Mi pesa moltissimo perché nel corso di questi 5 anni, fin da subito, abbiamo manifestato alla Regione il fatto che quell’intervento non era idoneo a tutelare la nostra costa. I fatti ci hanno dato ragione e se, come sembra, nei primi mesi del 2018 la Regione Marche andrà a confermare il fatto che il nostro piano della costa potrà finalmente avere delle scogliere emerse, ci aspettano degli anni in cui finalmente potremmo levarci belle soddisfazioni e dare quel’appeal turistico eccellente anche alla zona sud di Porto Sant’Elpidio.

SICUREZZA

Un tema che sarà sicuramente al centro della campagna elettorale, ormai iniziata, è quello della sicurezza. “Se penso a cinque anni fa, dove l’argomento che veniva fuori sembrava essere solo quello legato alla prostituzione oggi il clima è cambiato. I cittadini hanno una forte percezione dell’insicurezza, anche se i numeri delle Prefettura ci parlando di dati in controtendenza. Un’amministrazione che vuole governare bene lo deve fare con politiche importanti a riguardo. Vorrei sottolineare due aspetti fondamentali. Gli oltre 100 mila euro che siamo stati in grado d’investire dal punto di vista della videosorveglianza. Abbiamo dotato la città di strumentazioni che ci stanno dando tantissime soddisfazioni, come l’ultimo impianto che ci permette di fare una lettura targhe 24 ore su 24. Penso poi a quello che è stato fatto contro una piaga storica della nostra città che era quella legata agli accampamenti Rom. Situazione che oggi è confinata in una piccola zona dell’area industriale sud dove anche li stiamo per intervenire”.

Sindaco che aggiunge: “Ricordo di aver iniziato il mio mandato nel 2013 quando avevamo dieci aree sempre occupate, tra cui anche sul lungomare sud, in prima fila. Abbiamo non sono solo eliminato questi accampamenti da tutte quelle zone, ma abbiamo dato una grande riqualificazione a quegli spazi. Penso alla realtà del Fronte Mare Parking. Un’area completamente degradata per la quale si passava l’estate a chiamare le forze dell’ordine che oggi si è trasformata in una delle prime attività ricettive regionali per camper e turismo. Interventi concreti supportati della collaborazione di tutte le forze dell’ordine ma soprattutto della nostra polizia municipale. Un corpo straordinario e molto lodato da tutti, per il suo comandante e per tutti i suoi agenti che svolgono un ruolo importante in una città che è cambiata”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X