facebook twitter rss

Parlare Futuro approda a Giulianova con la scrittrice dell’anno: Donatella Di Pietrantonio

GIULIANOVA - Tappa fuori regione per la rassegna Parlare Futuro, più esattamente in Abruzzo, a Giulianova.  Un appuntamento prezioso a cui non si può mancare è quello di mercoledì 03 gennaio alle ore 18.30, presso la Sala Buozzi
martedì 2 gennaio 2018 - Ore 10:50
Print Friendly, PDF & Email

E’ senza dubbio il libro dell’anno. Tappa fuori regione per la rassegna Parlare Futuro, più esattamente in Abruzzo, a Giulianova.  Un appuntamento prezioso a cui non si può mancare è quello di mercoledì 03 gennaio alle ore 18.30, presso la Sala Buozzi del comune di Giulianova. L’ospite talentuosa e raffinata dell’incontro è Donatella Di Pietrantonio con la sua ultima fatica letteraria, l’Arminuta, opera che gli è valsa il Premio Campiello 2017. La nota scrittrice è nata nel 1963 ad Arsita, in provincia di Teramo,ed ha studiato odontoiatria all’Università dell’Aquila. Laureatasi nel 1986, risiede a Penne, in provincia di Pescara, dove esercita la professione di dentista pediatrico.

Nel 2011 ha esordito con il romanzo Mia madre è un fiume, intenso racconto di una figlia che si trova a prendersi cura di una madre alle prese con una malattia che le consuma la memoria, e ad aiutarla, giorno dopo giorno, a ricostruirsi la sua identità, romanzo che le è valso il Premio Letterario Tropea. Nel 2013 pubblica il suo secondo romanzo, Bella mia, ambientato durante il terremoto dell’Aquila, dove una protagonista profondamente scossa dagli avvenimenti sismici si vede affidato il figlio della sorella scomparsa sotto le macerie, in una narrazione intensa e dolente, profonda e urlante che le è valsa la finale del Premio Strega. Nel 2017 pubblica il suo terzo romanzo, L’Arminuta, che in dialetto abruzzese vuol dire “la ritornata”, ambientato in un Abruzzo contadino, dove una ragazzina di una numerosa famiglia rurale si trova ad essere prima fortemente voluta come figlia da una ricca famiglia, e poi rifiutata e rispedita al mittente tra difficoltà economiche, ansie ed emozioni frustrate, ruggenti come la terra sfruttata e avvilita che la accoglie, la incornicia e la racconta.

Il viaggio nell’Abruzzo di Donatella Di Pietrantonio, territorio fratello alle Marche per le sorti sismiche e per il doloroso vissuto delle realtà contadine, sembra essere il protagonista a prima vista del romanzo della scrittrice, ma ad una lettura più attenta non può sfuggire il nucleo profondo della narrazione. L’Arminuta è un racconto di formazione e iniziazione la cui protagonista finalmente è di genere femminile: una bambina che diventerà ragazza. Un cammino lungo e faticoso, una ricerca della propria identità che spesso non trova punti di riferimento negli adulti visti nella loro fragilità e nei loro limiti troppo umani. Una ragazzina che riesce ad affrontare i rovesci del destino e riesce a trovare la misura di sè facendo i conti con la propria esperienza e la propria storia e grazie alla capacità di costruire relazioni significative fra pari, le amicizie con la sorella, con il fratello, con l’amica di un tempo. Con uno stile essenziale e scarno , Donatella Di Pietrantonio, sa dare voce all’inesprimibile, a dinamiche quanto mai poco indagate come il rapporto madre-figlia, la relazione fra sorelle e sopra ad ogni cosa riesce ad esplorare i territori quanto mai ambigui del materno suscitando interrogativi e domande, ma anche costatazioni e riflessioni.

L’incontro è promosso dal Comune di Giulianova e l’assessora alla cultura e vicesindaca, Nausicaa Cameli. La presentatrice dell’autrice,Oriana Salvucci, illustra il senso dell’appuntamento:  “L’ospite della serata non poteva che essere Donatella di Pietrantonio, abruzzese di Arsita, piccolo paese dell’entroterra. Questa piccola donna ha saputo donarci un capolavoro. L’Arminuta è un’opera che indaga territori mai esplorati come la relazione di sorellanza, il rapporto madre-figlia, il materno, questo terreno ambiguo che ho sentito innumerevoli volte narrare dagli uomini, ma poco dalle donne. Finalmente una voce di donna che parla di un viaggio di iniziazione e formazione al femminile, una bambina, poi ragazza, che riesce a trovare la misura di sè attraverso la sua esperienza e la sua storia e intessendo relazioni significative con le sue simili o i suoi coetanei. Un romanzo che parla di identità, di terra e di origine visti attraverso un passaggio quello dall’infanzia alla adolescenza, ma anche di miseria, di fatica, di bisogno e privazione ad indicarci che l’essere umano può essere veramente libero solo quando non è schiacciato dall’urgenza del bisogno. Ringrazio il Comune di Giulianova per avermi concesso l’onore di essere una delle fautrici dell’incontro, di essere io ad intervistare una grande scrittrice come Donatella di Pietrantonio e di avermi dato l’occasione di conoscere questo luogo meraviglioso fra terra e mare che a buona ragione si è meritato il titolo di città ideale del medio-Adriatico.”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X