facebook twitter rss

Le casse comunali nel 2017, l’assessore Febi tira le somme: “Recupero dell’evasione Imu per una cifra record di 700 mila euro”

FERMO - “Il Comune – ha aggiunto l’Assessore Febi - ha iniziato la rivoluzione digitale puntando sulla carta d’identità elettronica, sull’inizio dell’attivazione della piattaforma per i moduli on line, a breve partirà anche la piattaforma regionale sempre per i pagamenti on line"
venerdì 5 gennaio 2018 - Ore 10:40
Print Friendly, PDF & Email

 

L’assessore al Bilancio del Comune di Fermo Savino Febi

La chiusura dell’esercizio 2017 parte da un fondo di cassa iniziale (rendiconto 2016) di euro 6.009.218,00 e presenta riscossioni per euro 66.858.468,54 e pagamenti per euro 66.536.020,16 con un fondo di cassa finale di 6.331.666,38 . Il fondo di cassa è quindi in leggera crescita rispetto al 2016 e ciò è dovuto ad alcuni finanziamenti regionali a destinazione vincolata per il sociale che, essendo pervenuti negli ultimi giorni del 2017, non hanno potuto essere liquidati. La differenza tra riscosso e pagato per fondi senza vincolo è invece di soli 10.000″.  L’Assessore al Bilancio del Comune di Fermo Savino Febi tira le somme di quelle che sono state le casse comunale e le sfide affrontate nel 2017.

“In questo esercizio – ha dichiarato l’Assessore al Bilancio Savino Febi – il Comune ha avuto un pareggio fra le riscossioni ed i pagamenti effettuati: ciò sta a significare che l’attività amministrativa ha avuto regolare corso e un efficiente impegno di tutte le risorse riscosse da parte di tutti i Settori. Le iniziative portate avanti dai vari Assessorati sono in linea con la programmazione effettuata impiegando tutte le risorse. Per quel che riguarda il settore urbanistica si registra un’inversione di tendenza nell’incasso degli oneri di urbanizzazione: infatti nell’anno appena concluso si rileva un + 320 mila euro. Si registra anche una buona attività di recupero per evasione Imu, dovuto anche alla delibera del Consiglio Comunale relativa alla rottamazione delle liti fiscali pendenti. In conclusione, si evidenziano entrate stabili rispetto agli esercizi precedenti, un atteggiamento molto rigoroso nei pagamenti: infatti le liquidazioni delle fatture avvengono a 30 giorni e non si è mai fatto ricorso alle anticipazioni di cassa, attestando la buona tenuta generale dei conti ”.

Per quanto riguarda le entrate va segnalata l’inversione di tendenza caratterizzata da un forte decremento nell’ultimo triennio degli incassi per gli oneri di urbanizzazione; a fronte di euro 610.789 riscossi per contributi relativi a permessi a costruire nel 2016 si passa ai 930.000 circa riscossi nell’anno 2017 quindi con un aumento di 320.000 euro circa.  Buoni anche gli incassi sui recuperi per evasione Imu che si aggirano per il 2017 in circa 720.000 euro. Ai recuperi effettuati dal gestore Ica e dall’ ufficio legale si sono aggiunti, nell’ esercizio 2017, gli incassi per la rottamazione delle liti fiscali pendenti
Le altre entrate rimangono pressoché stabili rispetto agli esercizi precedenti.  Per quanto riguarda le spese, in sede di rendiconto emergeranno le naturali economie realizzate nell’esercizio 2017. Al momento si può evidenziare che i vari settori hanno manifestato grande efficienza nell’impegnare i budget loro assegnati.  Sul fronte dei pagamenti va puntualizzato che sono state pagate le liquidazioni di fatture effettuate dagli uffici entro il 30 Novembre.  “Il comune di Fermo non ha mai attinto ad anticipazioni di cassa nell’esercizio 2017 e si può tranquillamente affermare che questo è un indice di buona tenuta generale dei conti”.

SERVIZIO INFORMATICO

“Il Comune – ha aggiunto l’Assessore Febi – ha iniziato la rivoluzione digitale puntando sulla carta d’identità elettronica, sull’inizio dell’attivazione della piattaforma per i moduli on line, a breve partirà anche la piattaforma regionale sempre per i pagamenti on line (PAGO PA), segno della sempre maggiore volontà di questa Amministrazione di adeguarsi alle nuove tecnologie anche in fatto di servizi erogati ai cittadini ed a loro beneficio”.

E’ stato attivato il servizio di gestione informatica delle code, fornito dalla ditta Sigma (servizio affidato con determinazione dirigenziale N. 79 Rg. 2081 del 16/12/2016), al fine di ottimizzare il servizio al pubblico e, di riflesso, migliorare la condizione di lavoro del personale dedicato agli sportelli. Il servizio riguarda gli sportelli del piano terra del Palazzo Comunale: Stato Civile , Anagrafe,Tributi

E’ stata attivata la piattaforma per la modulistica online, fornita dalla ditta Elixform, al fine di informatizzare i procedimenti, in sintonia con quanto previsto dall’Agenda Digitale per l’Italia, con determinazione dirigenziale n.44 del 11/09/2017 la cui premessa testualmente reca : “Ritenuto che, in conformità alla normativa soprarichiamata, a quella sulla trasparenza, e in coerenza con i percorsi di automatizzazione già iniziati dall’Ente, un significativo intervento debba essere l’informatizzazione di tutte le procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni da parte di cittadini e imprese che consenta la compilazione online delle richieste, con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale (SPID), il completamento e la conclusione del procedimento, il tracciamento dell’istanza, l’individuazione del responsabile e, ove applicabile, l’indicazione dei termini entro i quali il richiedente ha diritto ad ottenere una risposta;”

In particolare, il primo servizio attivato ha riguardato le istanze relative all’agevolazione TARI per le famiglie con studenti universitari dimoranti fuori Comune, e lo stesso è stato già ampiamente utilizzato dalle famiglie fermane.

Dall’11/12/2017 è stata attivata la Carta d’Identità elettronica (CIE): una nuova postazione in Via Mazzini ed una presso la delegazione di Capodarco. Ciò ha richiesto oltre all’installazione delle postazioni messe a disposizione dal Ministero dell’Interno, anche un addestramento specifico del Personale coinvolto. Ad oggi sono state emessi circa 200 documenti nel nuovo formato.

E’ stato attivato il servizio di pagamento online sulla piattaforma MPay (PAGO PA) della Regione Marche. Il servizio verrà reso totalmente disponibile e pubblicizzato a gennaio del 2018 e riguarderà le seguenti tipologie:

1. Contributi per Sponsorizzazioni
2. Diritti di Segreteria
3. Lampade Votive
4. Oneri urbanizzazione e costi costruzione
5. Quote participazione Fiere e Mercatini
6. Retta Asilo Nido
7. Rimborso Spese
8. Sanzioni CdS e Regolamenti
9. Servizi Cimiteriali
10. Trasporti Scolastici

Il Comune di Fermo è parte attiva del progetto Marche Sud per il bando regionale FESR 2014-2020 – Asse 2 – OS 6: Azioni a supporto dell’integrazione dei sistemi della PA insieme al Comune di San Benedetto del Tronto ed altri 71 Comuni delle Province di Fermo e Ascoli Piceno. Nel corso del 2017 gli uffici hanno redatto le schede tecniche e partecipato agli incontri con i restanti comuni per delineare le strategie. Il raggruppamento Marche Sud è risultato il primo in graduatoria sia per numero di abitanti coinvolti che per i progetti presentati. Il bando finanzierà i costi sostenuti dai Comune, e dei loro fornitori di software, per poter utilizzare le infrastrutture informatiche della Regione Marche.
L’adesione al progetto è avvenuta con deliberazione n. 437 del 14/11/2016 che reca tra le motivazioni : “L’attività in questione si colloca nell’ambito dell’Obiettivo Specifico 6 “Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali pienamente interoperabili della PA offerti a cittadini e imprese (in particolare nella sanità e nella giustizia)” ed in particolare si riferisce all’ Azione 6.2 intervento B) “Azioni a supporto dell’integrazione dei sistemi della PA locale per la gestione dei servizi di E_Government” che mira a promuovere lo sviluppo di soluzioni tecnologiche per la realizzazione di servizi di e-Government interoperabili, integrati (joined-up services) e progettati con cittadini e imprese, e soluzioni integrate per le smart cities and smart communities e all’ Azione 6.3 Intervento B) “Progetti per la riorganizzazione dei flussi dati in cooperazione applicativa tra sistemi informativi locali e sistemi aggregatori” che mira a promuovere interventi per assicurare l’interoperabilità delle banche dati pubbliche.

Nel 2017 sono stati virtualizzati gran parte dei server aziendali (da 6 server fisici siamo passati a 16 server virtuali che sfruttano solo 3 server fisici aumentando la sicurezza del sistema informatico, le performance della rete aziendale ed abbattendo il consumo di energia elettrica (in misura pari al 50 % reale). Contestualmente i server Windows di dominio sono stati migrati alla versione attuale del sistema operativo.

TRIBUTI

L’attività 2017 dell’Ufficio Tributi si è concentrata sulla gestione delle due principali entrate tributarie dell’Ente: IMU e Tari.

“Si sottolinea – ha affermato l’Assessore Febi – l’azione efficace per quanto riguarda il recupero dell’evasione Imu per una cifra record di 700 mila euro. Con orgoglio sottolineo la giusta tassazione degli immobili sul fronte Tari, senza alcuna distorsione fra unità abitativa e pertinenze (garages), l’applicazione della scalarità Isee (TARI) peri nuclei familiari in difficoltà, l’agevolazione, sempre in tema di tassa sui rifiuti, per gli studenti universitari fuori sede. Non è da trascurare l’informatizzazione del settore con l’introduzione già applicata per la domanda di riduzione Tari per le famiglie con uno studente universitario.

Per l’IMU la consueta attività di controllo finalizzata al recupero dell’evasione ha portato nel bilancio comunale la cifra record di oltre € 700.000, superiore alle previsioni iniziali, ciò anche grazie alle iniziative messe in campo dall’Ufficio Legale e dell’ICA per una più incisiva gestione del recupero coattivo delle somme non pagate. Sul versante della Tassa Rifiuti il sistema di calcolo del tributo utilizzato dall’Ente ormai da alcuni anni ha impedito quelle distorsioni sulla tassazione dei garage, cantine ecc, al centro delle polemiche di questi ultimi tempi.

Un passo verso una maggiore equità per la Tari è stato fatto con un’agevolazione per i nuclei familiari con ISEE basso, per le famiglie con uno studente universitario. Nuova spinta anche alla informatizzazione: si è iniziato in questo scorcio finale di 2017 e si proseguirà il prossimo anno. I cittadini potranno presentare alcune domande istanze ecc. direttamente tramite il sito internet del Comune. Per quest’anno si è partiti con la domanda di riduzione Tari per le famiglie con uno studente universitario ma l’idea è quella di una progressiva estensione”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X