facebook twitter rss

I giovani della Fermana
si “arricchiscono” con il pugilato
alla San Giorgio Boxing

PORTO SAN GIORGIO - Questa mattina i ragazzi dell'under 17 della Fermana, accompagnati dal mister Zazzetta e dal tutor Marchionni hanno preso parte a una sessione di allenamento di pugilato alla San Giorgio Boxing di Porto San Giorgio. Ad attenderli il team della palestra con, in testa, Danilo Spurio
sabato 6 gennaio 2018 - Ore 15:35
Print Friendly, PDF & Email

I giovani calciatori della Fermana provano la boxe. Questa mattina una rappresentativa dell’under 17 della Fermana, per arricchire la propria formazione sportiva ed atletica, è stata impegnata in una sessione di allenamento di boxe alla San Giorgio Boxing di Porto San Giorgio. Ad accogliere i ragazzi, accompagnati dal loro allenatore Massimiliano Zazzetta e dal tutor Andrea Marchionni, lo staff della palestra di pugilato: il direttore sportivo Enrico Del Gatto, i tecnici Danilo Spurio, Tony Suriano e Domenico Traini, e il dirigente Giovanni Fioravanti. I giovani hanno avuto modo di impegnarsi, dopo il riscaldamento, in un circuito alla sala pesi per aumentare la tonicità muscolare della parte superiore del corpo. Da lì via con le tecniche di pugilato e del contatto fisico. Insomma una mattinata utile a integrare la loro formazione sportiva, sia dal punto di vista atletico che psicologico, con una nuova disciplina.

“Vogliamo ringraziare la San Giorgio Boxing per aver dimostrato grande disponibilità e tempestività nell’aprirci le porte della loro palestra. Crediamo molto nel migliore approccio allo sport per i nostri ragazzi – il commento del tecnico Zazzetta – stiamo parlando di ragazzi che vivono l’ultimo passaggio giovanile prima dell’eventuale dilettantismo o professionismo. Per questo vanno seguiti con la massima attenzione”. Un must per Zazzetta, la scoperta e la valorizzazione dei ragazzi del nostro territorio, senza attendere talenti da fuori zona: “Questi li abbiamo anche qui da noi, nel nostro comprensorio. E’ fondamentale credere e puntare sui valori territoriali”. “Il pugilato è un’ottima palestra per i processi cognitivi – spiega Marchionni, specialista in psicologia cognitiva applicata allo sport – nel mio metodo uso molte metafore, per facilitare l’apprendimento”. “L’intenzione – fa sapere Spurio – è quella di equilibrare la fisicità e la tonicità di questi ragazzi e di avvicinarli al più corretto contatto fisico e al miglior atteggiamento mentale”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X