facebook twitter rss

Nuovo plesso scolastico a Piane Tenna:
La Lista accoglie con favore la proposta e lancia una serie d’interrogativi a Terrenzi

SANT'ELPIDIO A MARE - "Ci sentiamo però in dovere, come primi proponenti di tale idea, di chiedere al sindaco come abbia intenzione di realizzarla, giacché i 2,2 milioni previsti per tale evenienza proverrebbero da fondi esterni che non siamo sicuri possano effettivamente entrare nelle casse comunali"
venerdì 12 gennaio 2018 - Ore 19:11
Print Friendly, PDF & Email

 

“L’Amministrazione Terrenzi vuole realizzare un nuovo plesso scolastico a Piane Tenna. Accogliamo benevolmente questo proclama e sarà così tutte le volte che si ricalcherà il programma della nostra coalizione in appoggio a Fabio Conti”. Così La Lista, che interviene sull’ipotesi, emersa all’ultimo Consiglio comunale del 2017, di costruire ex novo una scuola a Sant’Elpidio a Mare. La compagine, una delle tre della coalizione civica che lo scorso giugno sostenne la candidatura di Conti, constata con piacere che “quando parlavamo della necessità di un nuovo edificio scolastico, oltre a definirci intellettuali da caffè e ribattere con presunzione, PD e Partecipazione Democratica tenessero in realtà in grande considerazione le nostre idee, tanto da farle proprie. Ci sentiamo però in dovere, come primi proponenti di tale idea, di chiedere al sindaco come abbia intenzione di realizzarla, giacché i 2,2 milioni previsti per tale evenienza proverrebbero da fondi esterni che non siamo sicuri possano effettivamente entrare nelle casse comunali, soprattutto vista l’abitudine corrente di questa amministrazione di perdere finanziamenti già praticamente in tasca”. La Lista chiede anche dettagli sul risultato dello studio di vulnerabilità sismica della scuola Bacci, completato nelle scorse settimane. “Ci interessa far luce sulle reali condizioni della scuola Bacci. Cos’è emerso dallo studio? Per essere più precisi, qual è l’indicatore di rischio riscontrato?”

Non manca un invito a tutta la minoranza. La Lista non fa nomi, ma è chiaro il riferimento ai consiglieri Roberto Sabbatini e Roberto Greci, rispettivamente del Movimento 5 stelle e Forza Italia, astenuti sul voto al bilancio di previsione 2018, e a Giovanni Martinelli, assente alla seduta. “Ci permettiamo di fare un appello ai consiglieri di minoranza tutti, chiedendo loro maggior concretezza nel proprio operato. Il bilancio di previsione è l’atto politico centrale per una amministrazione, e il voto che su di esso si esprime fornisce la misura di ciò che si vuole essere e rappresentare, dunque la scelta di astenersi è per noi impensabile. Già in campagna elettorale avevamo compreso la totale prossimità e organicità della destra alla attuale amministrazione. Vorremmo ricordare che quello della minoranza è un ruolo fondamentale in democrazia, e come tale andrebbe svolto con cura o quanto meno rispettato attraverso la presenza costante in consiglio comunale. Le continue assenze, infatti, a nostro avviso dovrebbero condurre ad una riflessione circa la funzione che si sta svolgendo e considerare l’opportunità o meno di continuare ad occupare lo scranno”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X