facebook twitter rss

La M&G Videx chiude la prima fase
per approcciare a breve la pool playoff

SERIE A2 - Ultima partita del calendario regolare domenica, in casa contro la Ceramiche Scarabeo Roma, prima di affrontare con la salvezza già in tasca l'appendice di stagione che apre le porte alla Superlega. Le parole di coach Ortenzi e del centrale Salgado
mercoledì 17 Gennaio 2018 - Ore 02:01
Print Friendly, PDF & Email

Il centrale della Videx, Salgado

GROTTAZZOLINA – Raggiunto l’obiettivo salvezza nella gara di domenica scorsa contro la Materdomini Castellana Grotte, la Videx si prepara all’ultimo match della prima fase, che la vedrà opposta alla Ceramica Scarabeo GCF Roma domenica prossima tra le mura casalinghe. La squadra di Ortenzi ha potuto beneficiare di una mezza giornata libera in più del solito, tornando in palestra soltanto ieri per la seduta in sala pesi, mentre la tecnica è prevista per oggi pomeriggio.

Soddisfatto coach Ortenzi, che dopo la salvezza raggiunta ai play-out nella passata stagione, ha potuto festeggiare con i suoi ragazzi con larghissimo anticipo.

“Quella contro Castellana è stata una partita complicata e molto nervosa, ma per noi la posta in palio era alta – ha commentato -. Siamo stati bravi a tirarci fuori da una situazione difficile e a riuscire a spuntarla, poi il fatto che Aversa abbia perso a Santa Croce ci ha dato la matematica certezza di partecipare alla Pool Playoff: una grande soddisfazione, perché siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo che ci eravamo fissati nonostante mille difficoltà”.

Ora si apre un nuovo capitolo di questa stagione per la Videx, che continuerà a giocare per un obiettivo impensabile: la promozione in Superlega. “Il bello è che questa squadra ha dimostrato di saper giocare molto bene, e finalmente ora che abbiamo recuperato tutti, in settimana riusciremo a lavorare con maggior serenità, senza la pressione di dover raggiungere un risultato a tutti i costi, ma con la consapevolezza e la voglia che questo gruppo ha dimostrato di potersela giocare contro tutti – ha proseguito il tecnico -. Adesso l’obiettivo diventa divertirci a giocare la nostra miglior pallavolo, senza patemi d’animo, perché sono convinto che questi ragazzi siano in grado di fare davvero tanto e di poter dare fastidio a tutti. L’ultimo mese è stato difficile ma ne siamo usciti bene, abbiamo vinto delle partite molto complicate e questo ci renderà una squadra più forte nella seconda fase.”

Contro Castellana Grotte è tornato ad assaporare il campo anche il centrale Salgado, out per infortunio alla mano da quasi un mese.

“Anche se domenica non abbiamo espresso una grandissima pallavolo, sono molto contento per la salvezza raggiunta e perché siamo tornati tutti a disposizione – sono state le sue parole -. Erano quasi due mesi che non giocavamo insieme e nelle ultime settimane non siamo mai riusciti ad allenarci al completo. Avrò bisogno di tempo per recuperare il ritmo perso per strada, e come me anche Michele Morelli, Jordan Richards e Riccardo Vecchi, ma lavoreremo per riuscire a tornare al livello espresso prima di questa fase.”

Per Salgado è il terzo anno a Grottazzolina: “La forza di questa squadra è che metà dei ragazzi sono del posto, sono cresciuti in questa società e amano veramente questa maglia, la maglia con cui sono cresciuti. Sono stati loro a contagiarci con la loro passione, tanto che ormai mi sento anche io uno del posto.  Siamo un po’ come una grande famiglia, e questo ha fatto la differenza nei momenti di difficoltà.”

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X