facebook twitter rss

Tod’s Spa, nel 2017 ricavi per 963,3 milioni di Euro, Della Valle: “Possiamo pensare al futuro in modo molto positivo”

ECONOMIA - Approvati oggi i dati preliminari di vendita del Gruppo Tod’s relativi all’esercizio 2017. In miglioramento il trend nel quarto trimestre dell’anno. I dati annuali completi saranno approvati dal Consiglio di Amministrazione previsto in data 13 marzo 2018
mercoledì 24 Gennaio 2018 - Ore 18:03
Print Friendly, PDF & Email


Il Consiglio di Amministrazione di Tod’s S.p.A., società quotata alla Borsa di Milano ed a capo dell’omonimo gruppo italiano del lusso, attivo nella creazione, produzione e distribuzione di calzature, accessori e abbigliamento di lusso e di alta qualità con i marchi Tod’s, Hogan, Fay e Roger Vivier, ha approvato oggi i dati preliminari di vendita del Gruppo Tod’s relativi all’esercizio 2017.  I ricavi del Gruppo ammontano a 963,3 milioni di Euro (973,4 milioni a cambi costanti) nell’esercizio 2017; in miglioramento il trend nel quarto trimestre dell’anno.

Diego Della Valle, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo, ha commentato: “I risultati ottenuti sono in linea con le nostre attese ed evidenziano dei miglioramenti nell’ultima parte dell’anno. Molto buoni i risultati del marchio Vivier. Come detto durante l’investor day, il 2018 sarà un anno di transizione: la squadra dei managers è molto cambiata ed ha iniziato ad operare; credo che nella seconda parte dell’anno cominceremo a vedere i risultati del loro operato. Vogliamo che ogni marchio rispetti appieno i suoi valori e il suo DNA, proponendo prodotti assolutamente coerenti con la propria storia di made in Italy e artigianalità, ma con una forte componente di innovazione e di creatività, assolutamente indispensabili per attrarre nuovi consumatori“.

Della Valle aggiunge: “Grande è la nostra attenzione per i nuovi strumenti di comunicazione, soprattutto quelli legati alla rete, così come quella per l’e-commerce, sempre più importante, e riteniamo incoraggiante la crescita a doppia cifra che registriamo, cosa che ci fa ben sperare in uno sviluppo sempre maggiore di questo strumento, che mostra il suo forte potenziale, anche considerando che in certi mercati la distribuzione tradizionale tenderà a non crescere. Sempre centrale la politica dello sviluppo dei nostri DOS, in particolare l’attenzione alla crescita like-for-like che, quando tutto sarà a regime, contribuirà decisamente al raggiungimento dei nostri obiettivi. Riteniamo che, con la stagione invernale, la nostra struttura produttiva potrà essere considerata finalmente a regime, ai massimi livelli qualitativi, pronta a soddisfare una domanda, che ci aspettiamo sempre maggiore. Abbiamo definito i nuovi format per i negozi ed un progetto di pop-up store, che faremo girare per il mondo, in alcuni casi in collaborazione con i nostri partners. Ritengo pertanto che possiamo pensare al futuro in modo molto positivo.

I DATI DI FATTURATO DEL GRUPPO

Il fatturato consolidato del Gruppo Tod’s ammonta a 963,3 milioni di Euro nell’esercizio 2017, con un calo del 4,1% rispetto al valore dell’anno precedente. Il fatturato del solo quarto trimestre è pari a 241,1 milioni di Euro, con un andamento leggermente negativo, ma in miglioramento rispetto ai primi nove mesi del 2017. A cambi costanti, utilizzando cioè gli stessi cambi medi del 2016, comprensivi degli effetti delle coperture, i ricavi dell’esercizio sarebbero pari a 973,4 milioni di Euro (-3,1% rispetto allo scorso anno).

I ricavi del marchio Tod’s ammontano a 515,7 milioni di Euro nell’esercizio 2017; il calo del 6,6%, rispetto all’anno precedente, è principalmente dovuto all’andamento delle calzature, penalizzate anche da alcuni ritardi nelle consegne, avvenuti ad inizio stagione e non recuperati. Il marchio Hogan ha registrato ricavi pari a 203,9 milioni di Euro; come già commentato per i precedenti trimestri, il calo è principalmente dovuto alla debolezza del mercato italiano, mentre sono positivi i risultati all’estero, sia sul canale retail che su quello wholesale. Il marchio Roger Vivier ha totalizzato 179,3 milioni di vendite, con una crescita del 9,7% rispetto all’anno precedente. Buoni i risultati su tutti i mercati principali. Infine, i ricavi del marchio Fay ammontano a 63,5 milioni di Euro, in crescita dell’1,4% rispetto all’esercizio
precedente. Positivi i risultati del marchio, sia in Italia, che nei paesi europei.

 

I ricavi delle calzature ammontano a 757,9 milioni di Euro nell’esercizio, in calo del 3,2% rispetto al 2016, ma con un deciso miglioramento dell’andamento nel quarto trimestre dell’anno. Per la sua maggiore esposizione al wholesale, questa categoria è quella che ha maggiormente sofferto della debolezza di questo canale. Le vendite di pelletteria e accessori sono state complessivamente pari a 135,8 milioni di Euro, con un calo del 3,6% rispetto all’esercizio precedente. Infine, i ricavi di abbigliamento ammontano a 68,7 milioni di Euro, sostanzialmente in linea con il valore dell’esercizio 2016; l’andamento riflette quello del marchio Fay.

 

SUDDIVISIONE PER AREA GEOGRAFICA DEL FATTURATO

 

I ricavi del Gruppo nel mercato domestico ammontano a 298,2 milioni di Euro; il calo del 4,3% rispetto all’esercizio 2016 è principalmente dovuto alla debolezza del canale wholesale, soprattutto nelle città di provincia. Nel resto dell’Europa, i ricavi del Gruppo ammontano complessivamente a 245,1 milioni di Euro, sostanzialmente in linea con il 2016. Positivi i risultati del canale retail, mentre rimane debole il canale wholesale. Nelle Americhe il Gruppo ha registrato complessivamente 78 milioni di Euro di vendite, con un calo del 19,1% rispetto al 2016.
I ricavi del Gruppo nel mercato della Greater China ammontano a 212 milioni di Euro, in crescita del 3,0% rispetto al 2016. Positivi i risultati in Cina Continentale, che rappresenta più della metà di questa regione, mentre Hong Kong e Taiwan sono ancora negativi, anche se con timidi segni di miglioramento. Infine, nell’area “Resto del Mondo”, il Gruppo ha complessivamente registrato ricavi pari a 130 milioni di Euro, con un calo del 3,5% rispetto al 2016. Nel quarto trimestre dell’anno il Giappone ha registrato un forte miglioramento dei risultati, mentre il mercato coreano resta difficile.

SUDDIVISIONE PER CANALE DISTRIBUTIVO DEL FATTURATO

Le vendite del canale diretto ammontano a 621,1 milioni di Euro e rappresentano circa i due terzi del fatturato del Gruppo. A cambi costanti, il valore è sostanzialmente allineato a quello dello scorso anno Il dato di Same Store Sales Growth (SSSG), calcolato a cambi costanti come media a livello mondiale dei tassi di crescita dei ricavi registrati nei DOS esistenti al 1° gennaio 2016, è pari a -2.8% nell’intero esercizio. Al 31 dicembre 2017, la rete distributiva del Gruppo è composta da 275 DOS e 112 negozi in franchising, rispetto ai 272 DOS e 107 negozi in franchising al 31 dicembre 2016. I ricavi a clienti terzi ammontano complessivamente a 342,2 milioni di Euro; il calo dell’8,4%, rispetto all’esercizio 2016, è dovuto alla già commentata debolezza di questo canale in alcuni mercati importanti, quali Italia e USA.
Si sottolinea che i dati relativi al fatturato dell’esercizio 2017 esposti nel presente comunicato sono preliminari e non certificati. I dati annuali completi saranno approvati dal Consiglio di Amministrazione previsto in data 13 marzo 2018.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X