facebook twitter rss

Tra cielo e acqua, i servitori della Patria
riuniti all’Ambro (FOTO)

MONTEFORTINO - Sabato scorso Federico Marini ha invitato a pranzo all'Hotel Ambro tantissimi amici, tutti responsabili di reparti dello Stato e della Regione, oltre alle autorità locali
martedì 6 Feb 2018 - Ore 19:22
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

L’elenco è piuttosto corposo, ma vale la pena leggerlo tutto d’un fiato: un pilota d’elicottero dell’Aeronautica Militare SAR del 15′ Stormo di Cervia; il dottor Germano Rocchi, responsabile Asur delle due eliambulanze delle Marche; il tenente colonnello Adolfo Gregori, comandante del RIS Roma Sezione Chimica ed Esplosivi; Antonio Rossi, luogotenente DIA Napoli, l’ispettore Attilio di Nunzio, responsabile della sicurezza del Duomo di Milano; Sandro Mangiacristiani, infermiere di bordo, che ha parlato dei due suoi libri sui soccorsi dell’eliambulanza; il maresciallo Domenico Carbone, comandante della Motovedetta della Guardia Costiera di Porto San Giorgio, presente insieme ai suoi ragazzi, che ha spiegato i soccorsi in mare; il comandante della Polizia Stradale di Amandola; i sindaci di Amandola, Montefortino e Smerillo; Lando Siliquini, che ha presentato un libro sulla dieta mediterranea; le crocerossine mandate dall’ispettrice nazionale delle Crocerossine, sorella Monica Dialuce Gambino; il direttore della Banca di Amandola e le direttrici degli Uffici Postali di Amandola e Servigliano.

Sono quelli che Federico Marini definisce “fortunati servitori della Patria, amici immersi nella natura” e che ha voluto invitare a pranzo, sabato scorso all’Hotel Ambro, davanti al santuario danneggiato dal sisma e del cui recupero si è fatta carico la Carifermo.

“Un evento con tutte persone alle quali sono legato – ci racconta Marini – persone dal cielo alla terra, dal mare fino a sott’acqua. Abbiamo trascorso insieme una bellissima giornata, ognuno raccontando quello che è riuscito a dare nei rispettivi ambiti d’azione, con la Madonna dell’Ambro quasi ad ascoltarci.È stato emozionante condividere questa esperienza, che voglio dedicare ad una cara persona, L. Purtroppo, l’ingegner Fabrizio Curcio ci ha chiamati al mattino dispiaciuto perché non poteva raggiungerci, ma ha annunciato che sarà qui nelle prossime settimane”.

Dopo una passeggiata naturalistica, una visita alla cascata adiacente il santuario, i saluti del sindaco di Montefortino Domenico Ciaffaroni e delle altre autorità presenti, il gruppo ha preso posto a tavola degustando le tipicità locali. Il pomeriggio si è concluso con il saluto alla bandiera italiana.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X